Una poltrona per due o la strana coppia…

1548

così potremmo titolare questo nuovo capitolo della vita politica italiana

Dalle elezioni politiche è uscita una indicazione chiara da parte degli elettori: vogliono essere governati dal Centrodestra e dal M5S. Anche sul ruolo dell’opposizione gli italiani sono stati chiari. Quel ruolo è stato affidato al Centrosinistra.

Gli Onorevoli Di Maio e Salvini, hanno una maggioranza netta non hanno bisogno di guardare alla loro sinistra per la composizione di un governo che possa guidare il paese per i prossimi anni. Vorrei anche ricordare, a chi lo avesse dimenticato che il PD sino a ieri, era quel partito sporco brutto e cattivo con cui mai si sarebbe potuto governare; ma è risaputo… mai dire mai in politica.

Tra qualche giorno, dopo l’elezione dei Presidenti di camera e senato la parola passerà al Presidente della Repubblica che dopo un giro di consultazioni, dovrà dare mandato, a Salvini o Di Maio questo lo deciderà Mattarella, per la costruzione di una possibile maggioranza. Maggioranza che Di Maio o Salvini dovranno cercare all’interno dei loro schieramenti, e non potrebbe essere diversamente, perché lasciare fuori una delle due forze politiche segnerebbe il “tradimento” ad un voto democratico inequivocabilmente chiaro espresso dagli Italiani.

Chiudo ricordando l’articolo 1 della Costruzione Italiana: “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”!

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAccusa malore in navigazione, soccorso dalla Guardia Costiera di Castellammare del Golfo
Articolo successivoCaos e sporcizia al Plesso “Navarra” di Castellammare del Golfo dopo l’utilizzo come seggi elettorali. Increduli genitori, bambini e personale
Fulvio Catalanotto
Fulvio Catalanotto nasce in Sicilia, terra, secondo lui, al centro del mondo. Formatore ed esperto dei processi formativi con la passione per la comunicazione e l'informazione. È un ascoltatore cronico di Rosa Balistreri.