Derby tra Th Alcamo e Petrosino

820

ALCAMO. Giornate di Derby la prossima nella serie A2 di pallamano tra Petrosino e Th Alcamo. Derby del trapanese che si preannuncia più appassionante e combattuto che mai, con il fattore campo che in questa stagione è saltato, 27-28, per Alcamo, ad ottobre,  alle seconda giornata, mentre alla nona ad imporsi al PalaVerga fu il Giovinetto.

Un solo punto divide le due squadre, Th Alcamo 10 , Giovinetto 9, sconfitto a Messina per 36-32, sul campo e poi a tavolino per 5-0, per aver schierato il suo capitano Vincenzo Abate non in regola con le norme sul tesseramento.

La  formazione di Fiorino è stata anche fortunata , perché se avesse vinto sul campo, si sarebbe vista sconfiggere a Tavolino come detto , per la posizione irregolare di un suo tesserato, beffa evitata, perché la formazione peloritana aveva vinto sul campo. Curiosità, per  Messina è la seconda vittoria consecutiva a tavolino, dopo aver vinto sul campo, la prima con il Cus Palermo, sempre per la posizione irregolare di un giocatore della squadra avversaria.

Partita delicatissima, quella Tra Petrosino e Alcamo, due squadre ancora in corsa per il quarto posto,  occupato da Agrigento e Messina, a quota 12 , che si incontrano proprio in questa seconda giornata della fase ad orologio. Come sempre dovrebbe essere un match equilibrato e spettacolare, nelle ultime 10  partite, il bilancio tra Giovinetto e Th Alcamo è in perfetta parità, 5 vittorie per parte, a partire dalla stagione 2015/16 . Ora il match di Sabato, oltre a rompere il perfetto equilibrio, (sempre che non un pareggio che non servirebbe a nessuno in questo caso ), sancirà anche chi tra la formazione di Onofrio Fiorino e quella di Benedetto Randes potrà restare in corsa per l’ultimo posto valido per l’accesso al nuovo campionato di serie A/2. Si gioca Sabato 3 Marzo alle ore 17.00, arbitri Cosenza di Gela e Schiavone di Siracusa.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCarmelo Miceli (PD): “Aeroporti non si facciano la guerra, ma arrivino ad un sistema di gestione comune”
Articolo successivo“Siamo ospiti su questa Terra” – Lezione di architettura e design nei luoghi dell’accoglienza