Un uomo e una donna di Terrasini tentano di rubare auto ad Alcamo, arrestati dai carabinieri

6057

ALCAMO. Sono stati arrestati arrestati nel cuore della notte dai militari dell’Arma di Alcamo due soggetti intenti a rubare una fuat Panda. Nel cuore della notte di ieri 23 febbraio, l’attenzione di una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Alcamo è stata catturata da una coppia di Terrasini che, con fare sospetto, si avvicinava ad una Fiat Panda, vecchio modello, parcheggiata in una zona appartata di Viale Italia.

I due malviventi, Dario La Perna, 31enne, ed Emiliana Madonia, 35enne, entrambi palermitani, sono volti già noti ai militari dell’Arma a causa dei loro numerosi precedenti penali. La Perna infatti è già gravato da un divieto di ritorno nel comune di Alcamo fino al 2020, applicatogli a seguito di alcuni reati perpetrati proprio nel centro alcamese.

I militari del NOR, collocatisi in un punto in modo tale da non essere visti dai malfattori, hanno notato che mentre la donna fungeva da palo, in pochi secondi l’uomo, utilizzando un arnese da scasso, riusciva ad aprire il veicolo e ad introdursi all’interno invitando, quindi, la sua complice a salire rapidamente dal lato passeggero.

A questo punto gli uomini del Radiomobile hanno deciso di intervenire riuscendo a bloccare l’uomo e la donna che in quel mentre erano già pronti ad allontanarsi a bordo del mezzo.

I due sono stati dunque tratti in arresto per tentato furto aggravato in concorso e, dopo una notte trascorsa nelle camere di sicurezza della Compagnia di Alcamo, nella mattinata successiva sono stati condotti presso il Tribunale di Trapani per essere sottoposti a processo per direttissima.

L’Autorità Giudiziaria, dopo la convalida dell’arresto, ha applicato nei confronti di entrambi la misura cautelare degli arresti domiciliari presso il loro domicilio di Terrasini.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl Futuro del settore vitivinicolo in Sicilia. Qualità e commercializzazione.
Articolo successivoMaltrattamenti in una scuola elementare, quattro maestre interdette dalla professione