Rievocazione storica di Castellammare, consiglieri chiedono di mettere in bilancio le somme

4097

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Non si ha più memoria della rievocazione storica di Castellammare del Golfo. Non si celebra più da anni (l’ultima nel 2011). E in questi giorni, alcuni consiglieri comunali hanno scritto al Sindaco Nicolò Coppola il suo impegno affinché si inseriscano le somme nel bilancio di previsione 2018. In modo da lasciare la “strada spianata” alla futura amministrazione si insedierà tra qualche mese.

Nella lettera, indirizzata Sindaco e al Presidente del Consiglio Domenico Bucca, i consiglieri Giuseppe Cruciata, Angelo Palmeri, Laura Ancona, Giovanni Ciufia, Giuseppe Fausto, Giacomo Di Bartolo e Giuseppe Norfo scrivono: “siamo ormai arrivati alla fine di questa legislatura e, per vari motivi che non stiamo qui ad elencare, l’Amministrazione da Lei guidata non è stata nelle condizioni di proporre,nemmeno una volta, la manifestazione riguardante la rievocazione storica dell’intervento prodigioso di Maria SS. del Soccorso in favore della città di Castellammare avvenuto il 13 luglio 1718.

Quest’anno, nella ricorrenza del tricentenario, pur trovandoci in scadenza di mandato, vorremmo che coloro i quali verranno dopo di noi, si trovino nelle condizioni di poterla realizzare. A tal fine, – sottolineano -dovendo l’attuale Amministrazione pianificare il Bilancio di previsione 2018, la invitiamo vivamente ad inserire, nel nuovo strumento di programmazione economica, le risorse occorrenti affinché la manifestazione possa essere realizzata e di conseguenza chiediamo un impegno certo finalizzato alla organizzazione dell’evento. Per la buona riuscita della manifestazione non faremo mancare la nostra collaborazione. Questa richiesta – concludono nella missiva – nasce dal desiderio di rilanciare un avvenimento straordinario della storia e della fede della città, un gesto di devozione, ma anche un evento culturale di grande intensità e partecipazione. È segno di Amore per la nostra Patrona, Maria SS. del Soccorso”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMassoneria, attacco scomposto
Articolo successivoDonato un defibrillatore alla San Giovanni Bosco