Buseto, primi risultati negativi. Il Sindaco Gervasi: “In attesa di altri risultati, ma nessun caso grave”

1543

BUSETO PALIZZOLO. All’indomani della notizia dei presunti casi di intossicazione alimentare alla mensa scolastica dell’Istituto comprensivo “Pitrè-Manzoni” di Buseto Palizzolo arrivano i primi risultati dell’Asp di Trapani. “I primi risultati sono negativi, ma siamo in attesa di altre analisi che richiedono più tempo – ha spiegato il Sindaco Luca  Gervasi contattato telefonicamente da Alqamah.it – Attualmente abbiamo sospeso il servizio fino a quando non sarà fatta totale chiarezza. La ditta ovviamente si è messa a totale disposizione per gli esami”.

Il Sindaco Gervasi si mantiene quindi cauto e aspetta gli ulteriori esami, ma nello stesso tempo si pensa anche ad altre ipotesi: “Certamente potrebbe anche essere stato un virus, però sono stati parecchi i bambini e anche le insegnati con disturbi gastro-intestinali. Ma voglio rassicurare tutti: i bambini stanno bene e nessuno è stato ricoverato in ospedale. Alcuni sono andati al pronto soccorso ma nessuno è grave”.

Anche la dirigente della scuola Grazia Maria Sabella si mantiene cauta in attesa di ulteriori esami: “Ci hanno comunicato questa mattina che i primi risultati sono negativi. Sul numero dei bambini non possiamo però avere conferme” – aggiunge Sabella. In totale sarebbero circa 35 tra bambini e insegnanti con sintomi simili, resta da capire se tutti per lo stesso motivo o se invece si tratta di un picco di influenza comune a tutti. Il numero dei bambini che sono stati male (vomito e disturbi gastro-intestinali) si basa principalmente sul numero di assenti dal momento della segnalazione.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteScoperto un campo di camini vulcanici nel fondale dell’Isola di Panarea
Articolo successivoOperazione antimafia “freezer”, chieste pesanti condanne per imputati
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.