I dipendenti dell’Iacp di Trapani rispondono a Musumeci: “Non siamo malfattori”

1340

TRAPANI. All’indomani delle dichiarazioni del Presidente Nello Musumeci sugli Iacp arriva la replica dei dipendenti di Trapani e del commissario straordinario dell’Iacp di Trapani Salvatore Gueli.

Ecco la lettera dei dipendenti:

“Leggiamo e restiamo sgomenti e stupiti delle dichiarazioni del Presidente della Regione, on. Nello Musumeci,  a proposito della situazione degli Iacp siciliani, tutti indicati come “case” del malaffare, colpevoli di avere determinato la pur vera emergenza abitativa, con comportamenti, indicati dal presidente della Regione, come sconsiderati. Diciamo subito che da dipendenti dell’Iacp di Trapani non accettiamo simili affermazioni, non ci stiamo a passare per malfattori, l’opinione pubblica, la cittadinanza, i nostri utenti invece oggi sono indotti a causa delle parole del presidente Musumeci a guardarci in questo modo. Chiediamo al presidente Musumeci di riconoscere a noi dipendenti dell’Iacp di Trapani ciò che meritiamo e cioè il fatto di essere dirigenti, funzionari e dipendenti onesti! E lo diciamo avendo semmai dalla nostra parte una attività ultradecennale per tanti di noi che non ha mai e diciamo mai registrato episodi riconducibili a mala gestio e soprattutto malaffare. Il presidente della Regione avrebbe fatto bene a indicare casi specifici e non invece consegnare alla stampa una situazione degli enti Iacp dipinta in modo generale, senza puntare il dito su fatti concreti. Se così avesse fatto avrebbe certamente consegnato all’Iacp di Trapani ed ai suoi dipendenti la giusta e corretta realtà, ben distante dai gravi fatti come indicati.

Dal fenomeno delle occupazioni abusive e quello della morosità degli assegnatari nella corresponsione dei canoni, è da anni che l’Iacp di Trapani dedica il massimo sforzo, ottenendo importanti risultati. Dove non siamo riusciti è stata semmai colpa dell’assenza di una legislazione adeguata (la crisi abitativa in Sicilia non è colpa degli Iacp ma semmai dovuta all’assenza di seri interventi legislativi) e della mancata attenzione delle amministrazioni comunali, cui compete, lo ricordiamo lo sfratto dagli alloggi occupati abusivamente.

Ci spiace che il presidente Musumeci non conosca a fondo la singola realtà di ogni Iacp, finendo con il fare di tutta l’erba un unico fascio. L’Iacp di Trapani ha pubblicamente raccolto anche da autorevoli rappresentanti istituzionali, a cominciare dai prefetti succedutesi a Trapani, per non parlare anche da rappresentanti della stessa amministrazione regionale, apprezzamenti per l’attività svolta. La gestione del bilancio, la puntuale predisposizione, sino al corrente anno, del documento finanziario di previsione e il rendiconto consuntivo, sono a disposizione di chiunque, basta accedere al nostro sito web. L’utilizzo dei finanziamenti regionali e nazionali non ha mai registrato disattenzione e le somme stanziate nel tempo per la manutenzione degli alloggi e delle urbanizzazioni sono state integralmente spese.

 Proprio nel 2018 ci prepariamo ad una sfida importante , essendo tra i pochi Iacp che hanno ottenuto rilevamenti stanziamenti finanziari che sono arrivati in Sicilia dall’Unione Europea. L’Iacp di Trapani riesce a garantire occupazione a 24 lavoratori a tempo determinato e via via rispettando i parametri economici sta procedendo alle loro stabilizzazioni. Non vi sono stati mai ritardi nella corresponsione degli emolumenti che si ricorda non derivano da trasferimenti di somme da parte di Stato e Regione, ma vengono sostenuti dalle entrate in massima parte garantiti dagli introiti dei canoni di affitto, campo nel quale ogni giorno produciamo grande lavoro, altro che disattenzioni o favoritismi.

Diciamo tutto questo perché almeno noi dell’Iacp di Trapani non ci stiamo a passare per malfattori.”

Il documento è stato sottoscritto in data odierna dai dipendenti dell’Iacp di Trapani

Il commissario straordinario dell’Iacp di Trapani, Salvatore Gueli, a proposito dell’iniziativa assunta dai dipendenti dell’ente, e cioè quella di contestare in maniera vibrata le dichiarazioni generiche rilasciate dal presidente della Regione Musumeci a proposito della situazione degli Iacp siciliani dichiara quanto segue:

“Bene hanno fatto i dipendenti dell’Iacp di Trapani a chiedere di avere riconosciuta dalla massima autorità della Regione la correttezza decennale del proprio lavoro e l’attività condotta rispettando i principi di legalità, correttezza, e trasparenza. Devo dire, essendo commissario straordinario dalla scorso settembre, di avere sempre riscontrato in tutti i dipendenti lo svolgimento di una puntuale attività lavorativa, ho trovato un ente sano sotto ogni punto di vista grazie non solo al lavoro svolto dai miei predecessori ma anche grazie a quello al quale hanno adempiuto dirigenti, funzionari e impiegati tutti dell’ente. Il mio primo atto da commissario è stato quello di incontrare S.E. il prefetto di Trapani e i vertici delle forze dell’ordine proprio per migliorare ulteriormente una necessaria rete di collaborazione e ricordo che proprio in quella occasione lo stringente contatto stabilito con la Questura ha permesso di venire in tempo reale incontro ad una assegnataria che era venuta a denunciare l’occupazione abusiva della propria casa dalla quale si era temporaneamente allontanata per qualche giorno. La donna intimorita non aveva però presentato denuncia, cosa che invece ho subito fatto di concerto con la direzione generale dell’ente. Su questo campo come su altri l’Iacp di Trapani non è stato mai disattento e con il malaffare non ha nulla a che spartire”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCastellammare, fuoco in contrada Aversa. FOTO
Articolo successivoL’arte, il turismo e il lavoro: una proposta di Alcamo Bene Comune per attività di restauro nel Centro Storico di Alcamo