Sucameli (PD): “Quando finirà questo atteggiamento di disinteresse a tutto ciò che non sia targato Movimento cinque stelle”

1879

Interrogazione del Consigliere PD Giacomo Sucameli sulla richiesta di aule del Liceo Coreutico, non ascoltata, secondo il Consigliere, dall’Amministrazione. Riceviamo e pubblichiamo:

Ognuno ha il suo compito! Ognuno di noi tenta ogni giorno di portare avanti i diversi ruoli che ha: padre, marito, lavoratore, studente, politico,… e sicuramente non è cosa facile ma se quel ruolo io lo ottengo allora tento, in ogni modo, di portarlo avanti.
Mi pare che il preside Piccichè sia un ottimo esempio di come portare avanti un compito in maniera egregia. Difatti non solo gestisce il proprio Istituto ma, con un occhio da buon amministratore, guarda avanti e pensa al futuro della nostra scuola ma anche dei nostri cittadini, relativamente alle nuove esigenze che nascono tra gli studenti. Infatti la proposta del liceo coreutico aveva allettato diversi studenti che finalmente vedevano una possibilità di sbocco per le loro passioni.
Questa intraprendenza e passione per il proprio lavoro è stata spenta però da una Giunta che forse arranca nel portare avanti il proprio ruolo amministrativo, e che ha ben pensato di non degnare nemmeno di una risposta la richiesta avanzata.
Mi chiedo allora quando finirà questo atteggiamento di disinteresse a tutto ciò che viene dall’esterno e che non sia targato Movimento cinque stelle, quando la Giunta pentastellata penserà di portare avanti il proprio ruolo amministrativo e di degnare di uno sguardo la nostra cittadina e le sue esigenze, rispondendo a coloro che chiedono spiegazioni oppure a coloro che come il Preside Piccichè, chiedono semplicemente delle aule per un progetto oneroso e complesso di cui tante persone si sono fatte carico e che adesso provano soltanto delusione nei confronti di una giunta sorda al futuro della nostra città.

INTERROGO
e chiedo contestualmente a questa Giunta, il motivo di tale silenzio alle richieste di aule da parte del Preside Piccichè. Chiedo che venga data una risposta e anche se in ritardo, venga spiegato il motivo per cui si è dovuto abbandonare un sogno, una possibilità di crescita, un futuro per tanti.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteD’Alì, annullata sentenza
Articolo successivoRocco Chinnici e quel “pool” che cambiò la storia. Questa sera su Rai 1