Terreni del Comune in “stato di abbandono” affidati ai cittadini

1822

Approvato a larghissima maggioranza, un solo astenuto e nessun voto contrario, il Regolamento Orti Urbani.

ALCAMO. Il Comune di Alcamo con questo regolamento darà in gestione per 5 anni, rinnovabile una sola volta, tutti quei terreni di sua proprietà in stato di abbandono. In sintesi, con questo sistema tali fondi saranno curati e quindi recuperati, potranno essere mezzo per fornire di un appezzamento di terreno coloro che non ne hanno e goderne dei frutti, specialmente a chi è economicamente disagiato, infatti a questi sarà riservato un canale privilegiato mediante la scelta di favorire i cittadini con redditi bassi nella selezione delle richieste. Ma lo scopo del Regolamento non si limita solo a quanto detto, infatti potrà essere volano per far conoscere i prodotti della nostra terra, di conseguenza far riscoprire la pratica agricola e, per esempio, mediante la possibilità che tali fondi possano essere affidati a scuole, aumentare la sensibilità ambientale degli studenti, in particolare “legare” anche i più piccini alla terra, quindi alla natura.

Andando ad alcuni particolari del Regolamento: chi si aggiudica la gestione avrà una superficie che va dai 50 e 200 metri quadrati, i gestori dovranno avere la cittadinanza e la residenza ad Alcamo, e dovranno essere in grado di provvedere direttamente o anche con l’aiuto di un componente del nucleo familiare alla coltivazione dell’orto. In riferimento al reddito, dicevamo, costituisce titolo di preferenza un reddito basso e i punteggi assegnati in funzione del reddito andranno da 10 punti per un reddito fino a €6000, fino a 2 punti per un reddito superiore a €25000, infine altri punti vengono dati per le famiglie numerose per le persone anziane per gli inoccupati o i cassaintegrati. Non possono essere assegnatari coloro che sono già coltivatori di altri fondi. Il canone è fissato annualmente con una delibera di giunta.

La vigilanza sarà a carico della polizia municipale, invece in riferimento alla manutenzione ordinaria sarà a cura dell’assegnatario, mentre i lavori di manutenzione straordinaria saranno curati dal Comune di Alcamo (Manutenzione straordinaria: sostituzione delle recinzioni, interventi sulle strutture, sugli impianti di illuminazione, manutenzione degli impianti di irrigazione).

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteFermato un giovane indiziato di violenza sessuale
Articolo successivo Emergenza idrica, Coppola: “La Regione consenta ai Comuni di organizzarsi in forma associata”
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.