I “Perché” del Partito Democratico alcamese all’Amministrazione sulla questione “acqua”

2039

Perché? La domanda che il Partito Democratico di Alcamo ha utilizzato come leitmotiv  di un manifesto nel quale si denuncia la problematica “acqua” ad Alcamo e si evince una dura critica all’Amministrazione. I perché del PD sembrano voler mettere in evidenza sia la situazione che possibili soluzioni e infine chiede il perché l’Amministrazione e i 5 stelle non si sono confrontati con la minoranza e con tecnici esperti del settore. Pubblichiamo la lista dei “Perché”:

• perché non vi è traccia dei 50 litri (pro-capite) giornalieri, gratuiti, promessi in campagna elettorale?

• perché con quasi tre milioni di euro disponibili, nel P.T.O.P.¹ 2017 solo meno del 15% è destinato alla manutenzione ordinaria e straordinaria
della rete idrica e fognaria?

• perché non si è provveduto ad acquistare un maggior quantitativo d’acqua, presso Siciliacque, per fronteggiare l’emergenza?

• perché con turni di erogazione superiori a 9 giorni, non è stato ancora dichiarato lo stato di emergenza idrica?

• perché considerati i rischi igienico- sanitari, il Sindaco non provvede a convocare d’urgenza il C.O.C.²?

• perché non si è provveduto alla ricerca di nuove fonti di approvvigionamento idrico (ad es. pozzo Rakali, che potrebbe fornire circa 10 l/s)?

• perché non si assicura la fornitura di acqua potabile, mediante autobotte comunale, a tutte quelle utenze che riscontrano un servizio praticamente inesistente?

• perché tanta confusione ed incertezza nella comunicazione dei turni di erogazione idrica?

• perché tanto ritardo nella nomina del direttore dei lavori di “Cannizzaro” (oltre 9 mesi), provocando enormi disagi ai cittadini che potrebbero già usufruire di quella sorgente?

• perché il Sindaco e la maggioranza 5 Stelle, di fronte ad un disagio così grande per i cittadini alcamesi, non si confronta con le forze politiche di minoranza e, soprattutto, con i professionisti alcamesi nel campo dell’ingegneria idraulica?

Perché?

1) Piano Territoriale Opere Pubbliche.
2) Centro Operativo Comunale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Gioco in movimento”, a Castellammare “lo sport come prevenzione”
Articolo successivo38 anni dall’assassinio di Piersanti Mattarella, commemorazione al cimitero di Castellammare