Addobbare un albero bruciato durante i roghi dell’estate

2820

Simbolo di denuncia e di rinascita,  la parrocchia Santa Rita a Castellammare del Golfo ha addobbato uno degli alberi bruciati durante i roghi dell’estate

Sarebbe stato tagliato e poi bruciato in chissà quale camino o forno… invece – dietro richiesta del parroco don Salvo Morghese ai responsabili della Forestale di Castellammare del Golfo è stato sistemato sul sagrato della Chiesa Maria SS. Addolorata (Santa Rita) ed addobbato come l’albero di Natale della comunità.

“Lo abbiamo chiamato ‘l’albero della memoria’ – dice don Morghese –  per non dimenticare la devastazione  che, impotente,  ha subito la scorsa estate la nostra montagna, durante i tanti roghi appiccati da mani criminali. Così in questo Natale 2017 abbiamo deciso di non abbassare la guardia – continua il parroco – e di non lasciar cadere nel dimenticatoio quello che è successo, per renderci conto che tutti siamo chiamati a custodire il creato anche attraverso la denuncia dei malfattori.”

Nella foto: l’albero della memoria con il parroco don Salvo Morghese e Giuseppe Geloso, Ispettore forestale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Siamo tutti musica”, ad Alcamo e Castellammare il gospel “contro il preconcetto” dell’associazione Fiore Daphne
Articolo successivoDopo il fuoco appiccato al portone, un’assemblea aperta a tutti