Operazione “Cleo” della Guardia Costiera di Trapani: 700 chili di prodotti sequestrati

1681

TRAPANI. Oltre 150 controlli, 80 i militari  impegnati in una imponente attività di controllo sulla commercializzazione dei prodotti ittici, circa 700 chili di prodotto sequestrato e 26 sanzioni amministrative. È questo il bilancio dell’Operazione della Guardia Costiera di Trapani denominata “CLEO” svolta negli scorsi giorni dalla Capitaneria di Porto in ossequio alle direttive del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto e della Direzione Marittima di Palermo.

“L’attività – scrivono i militari – si inserisce nell’ambito delle verifiche svolte per il controllo del rispetto della legge nazionale ed europea sulla vendita e distribuzione dei prodotti ittici, a tutela delle risorse ittiche e del consumatore finale che svolge quotidianamente la Guardia Costiera. Le verifiche sono state estese a tutta la filiera commerciale: mercati ittici, le piattaforme di stoccaggio, la grande distribuzione, il commercio al dettaglio e i centri di ristorazione ricadenti nella circoscrizione territoriale marittima (comprendente anche i comuni dell’entroterra). Numerose le violazioni accertate in materia di etichettatura dei prodotti immessi in vendita nelle piattaforme commerciali, mentre nel settore della ristorazione in alcuni casi è stata accertata la detenzione di prodotti scaduti e pertanto non idonei alla messa in vendita”.

Il Capitano di Vascello Franco Maltese, che ha assunto il comando della Capitaneria di Porto lo scorso 10 novembre, ha tenuto a precisare che le verifiche e i controlli svolti dalla Guardia Costiera continueranno nei prossimi mesi senza sosta per garantire il rispetto della legge per la corretta commercializzazione dei prodotti ittici, a garanzia della salute pubblica dei cittadini.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteOperazione della Guardia di Finanza contro i software pirata, 62 denunciati
Articolo successivoGiuseppe Guaiana: “Psicodramma che ha visto come regista il Coordinatore Regionale Gianfranco Miccichè”