Settimana nazionale Nati per Leggere. Il diritto alle storie di tutti i bambini

1700

Dal 18 al 26 novembre ricorre la Settimana nazionale Nati per Leggere, istituita per promuovere il diritto alle storie di tutti i bambini. Per questo motivo la settimana viene organizzata su tutto il territorio nazionale in concomitanza con la Giornata Internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza20 novembre. La manifestazione s’intitola “Andiamo diritti alle storie” per sottolineare l’importanza della lettura come strumento utile per prevenire la povertà educativa.

 Anche quest’anno la Biblioteca Diocesana “G. B Amico” di Trapani, con la sua Sezione per bambini e ragazzi “Il Piccolo Principe”, organizza diversi incontri di lettura ad alta voce rivolti ai bambini piccoli e alle loro famiglie. Di seguito il programma delle iniziative:

 Lunedì 20 novembre ore 9:30                                                                                                 

Letture ad alta voce per gli alunni di 4 e 5 anni della Scuola dell’Infanzia – 1° Circolo” G. Pascoli” (plesso Gemellini Asta), presso la Biblioteca Diocesana di Trapani (via Cosenza n. 90, Erice- Casa Santa)

Martedì 21 novembre ore 16:00

Letture ad alta voce per i piccolissimi in attesa del controllo di salute Studio pediatrico del dott. Giuseppe Vinci (via Peraino, 34 – Erice Casa Santa)

 

Mercoledì 22 novembre ore 9:30

Letture ad alta voce per gli alunni di 4 e 5 anni della Scuola dell’Infanzia – Istituto Comprensivo “G. Mazzini” (plesso Trentapiedi, via G. Cesarò n. 19, Erice- Casa Santa)

 

Giovedì 23 novembre ore 16:00-17:00

Letture ad alta voce per i piccolissimi di 2 e 3 anni presso la Biblioteca Diocesana di Trapani (via Cosenza n. 90, Erice- Casa Santa)

Venerdì 24 novembre ore 16:00-18:00

Letture ad alta voce per i piccolissimi in attesa del controllo di salute U. O. C. Pediatria del Presidio Ospedaliero S. Antonio Abate di Trapani (via Cosenza – Erice, Casa Santa)

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTorna una delle sfide più appassionati e attese della pallamano siciliana
Articolo successivoLa “supercosa” di Matteo Messina Denaro