Alcamo, grossa perdita d’acqua in strada: “Uno spreco che non ci possiamo permettere”

2893

ALCAMO. Grossa perdita d’acqua, che si aggiunge alle tante in giro per la città, in periferia ad Alcamo. Una perdita che ogni 6 giorni (quando va bene) riversa per le strade litri e litri di acqua che gli alcamesi perdono per sempre.

Ad Alcamo il problema idrico è quasi un’emergenza. Tanti gli incontri pubblici, gli interventi dell’Amministrazione comunale in questi mesi per sopperire ad anni di problemi e disservizi ormai cronici. Problemi alle fonti di approvvigionamento, problemi al bottino, lavori in corso e autobotti in protesta nei mesi scorsi. Sono stati anni difficili, ancora di più gli ultimi mesi.

Il Sindaco Domenico Surdi e l’Assessore ai Lavori Pubblici Roberto Russo da mesi lavorano per sopperire a tutte le richieste ed esigenze della cittadinanza, ma uno dei problemi che maggiormente bisogna affrontare sono le tubature colabrodo. Tante le perdite nella rete idrica alcamese, l’ultima, documentata da noi, è quella che si trova nei pressi di Largo Alcide De Gasperi (angolo con via 14), all’entrata della città. “Una grossa rottura che ogni settimana (è questo il periodo di erogazione in questa zona, ndr), da circa 5 mesi, continua a provocare una importante fuoriuscita di acqua dall’asfalto. Uno spreco che non ci possiamo permettere” – spiega un cittadino residente.

Un problema, quello della rete idrica alcamese, che dovrà essere necessariamente risolto nel più breve tempo possibile per evitare ulteriori sprechi che la città di Alcamo, appunto, non può più permettersi.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRegionali, strappati i manifesti elettorali del candidato Paolo Ruggirello
Articolo successivoRiapre, tra ritardi e polemiche, il parcheggio interrato di Piazza Bagolino
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.