Il procuratore non fu diffamato

902

Giornalisti assolti, furono querelati da Messineo

La quinta sezione della Corte di Appello di Milano, presieduta da Pietro Carfagna, ha assolto oggi il direttore di Panorama Giorgio Mulè e i giornalisti Riccardo Arena e Andrea Marcenaro dall’accusa di aver diffamato l’ex Procuratore della Repubblica di Palermo Francesco Messineo. Arena e Marcenaro erano imputati del reato di diffamazione in concorso quali autori di un articolo pubblicato dal settimanale nel dicembre del 2009 dal titolo: “Aridatece il Procuratore Caselli”, a Mulè era contestato il reato di omesso controllo. In primo grado Arena e Marcenaro erano stati condannati a un anno di reclusione, Mulè a otto mesi di reclusione: a Marcenaro e Mulè il giudice di primo grado, Caterina Interlandi, non aveva concesso i benefici della sospensione condizionale della pena e aveva inoltre condannato gli imputati a risarcire Messineo con la somma di trentamila euro. La Corte d’Appello ha ribaltato il giudizio e assolto Arena e Marcenaro perché il fatto non costituisce reato e Mulè perché il fatto non sussiste.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteL’Associazione Regionale àKasa: le Amministrazioni Comunali non hanno né conseguito gli obiettivi di tutela ambientale né hanno ripristinato lo stato dei luoghi
Articolo successivoLa roulette russa delle sedi scolastiche di Alcamo