Castellammare, una marcia di sensibilizzazione contro il cancro al seno: “Momento di riflessione sull’importanza della prevenzione”

3141

CASTELLAMMARE DEL GOLFO.  Una marcia di sensibilizzazione  come “ulteriore momento di riflessione sulla importanza della prevenzione oncologica per quanto riguarda le patologie nel sesso femminile”.

La marcia, organizzata dalla delegata dall’AIRC (Associazione Italiana Ricerca sul Cancro) di Castellammare del Golfo Lucia Navarra, arriva per la prima volta a Castellammare. “Sarà un momento di riflessione e di sensibilizzazione rivolto principalmente alla prevenzione per le donne ma anche per gli uomini, quindi serve un impegno collettivo a sostegno della ricerca contro il cancro. – spiega Lucia Navarra ad Alqamah.it – La marcia nasce nel 1992 e in occasione del suo venticinquesimo anno abbiamo deciso di organizzare qui la marcia del “nastro rosa” per la prima volta. Si tratta di una marcia partita venticinque anno fa da New York e che domenica 1 ottobre si svolgerà anche in altre città”.

Il corteo partirà domenica 1 ottobre alle 20:30 da Palazzo Crociferi, sede del Comune, in corso Bernardo Mattarella e raggiungerà il Castello Arabo Normanno che per l’occasione sarà illuminato di rosa in favore dell’iniziativa. “Saranno distribuiti anche dei fiocchi rosa, si tratta di un momento importante che spero richiami tantissimi cittadini. Sensibilizzare l’opinione pubblica su questi temi è molto importante, la prevenzione, non solo per il tumore al seno, può salvare tante vite”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl CICI Film Festival presenta i cortometraggi
Articolo successivoPaolo Ficalora vittima innocente di mafia, venticinque anni dalla sua uccisione: “Castellammare è cambiata, mio padre morto da uomo libero”
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.