Favignana e l’Area marina protetta aderiscono a “PeaceDrums”

773

Tamburi di pace in concerto in 100 località lungo le sponde del Mediterraneo. Favignana e Lampedusa insieme, unite dagli stessi “Battiti di cuore per il Mediterraneo”.

FAVIGNANA. Anche la maggiore delle isole Egadi aderisce, grazie alla presenza dell’Area Marina Protetta “Isole Egadi” – che oltre ad essere partner è anche proponente dell’iniziativa – a PeaceDrums, il concerto diffuso per la pace e il dialogo nel Mediterraneo che inizierà il 23 settembre al tramonto, da Lampedusa, luogo simbolo dell’accoglienza, e che vedrà più di 100 concerti sulle sponde del Mediterraneo rispondere in streaming, con impatto globale da 15 nazioni differenti.

L’idea è la realizzazione di un sogno, un’avventura sostenuta dal Comune di Lampedusa e dalle maggiori ONG nazionali e internazionali. PeaceDrums è organizzato in collaborazione con il Festival delle Generazioni e EMMA: la raccolta fondi servirà a finanziare l’evento e a favorire l’acquisto di strumenti musicali per l’Istituto omnicomprensivo Luigi Pirandello e il conservatorio di Damasco.

A Favignana l’evento solidale in musica è in programma al tramonto sulla spiaggia della Praia, con inizio alle ore 19. A suonare saranno i bambini della Lustro Percussion Ensemble, Gioele Tammaro, Andrea Lombardo, Antonino Amato, Girolamo Balistreri e Paolo Macchi. Saranno presenti, tra gli altri, il sindaco delle Egadi e presidente dell’Area marina protetta, Giuseppe Pagoto, e il direttore dell’AMP, Stefano Donati, che ha seguito sin dai primi passi, assieme all’allora sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, l’evolversi del progetto.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteEmergenza incendi nel trapanese, il Coordinamento “Salviamo i Boschi” scrive al Prefetto Pellos
Articolo successivoLa difesa della Juventa