Castellammare, murale della legalità realizzato nel 2014 cade a pezzi. FOTO

2462

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Gravemente danneggiato un murale presente all’esterno della Villa Olivia di Castellammare del Golfo in via Leonardo Da Vinci. Si tratta di uno dei due murales realizzati dagli studenti durante la settimana della legalità nel maggio del 2014, inaugurato dall’ex Prefetto di Trapani Leopoldo Falco insieme all’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Nicolò Coppola e alle forze dell’ordine.

Ad accorgersi del fatto un cittadino che si trovava a passare dalla villa. Il murale risulta gravemente danneggiato, infatti gran parte delle piastrelle che formano l’immagine risultano staccate e completamente distrutte. Dopo soli tre anni dalla sua realizzazione. “Le piastrelle sono cadute da sole qualche giorno fa, – spiega il gestore di un’attività vicina – non può restare in queste condizioni, è una questione di sicurezza pubblica: qui ogni giorno vengono tanti bambini a giocare e il rischio di essere colpiti da una piatrella è molto alto. Abbiamo già fatto la segnalazione al Comune, ma ancora nessun intervento è stato effettuato”.

Le piastrelle che si sono staccate nei giorni scorsi si trovano sul marciapiede completamente distrutte, altre in bilico, pronte per cadere. “Sono state incollate male alla parete, – spiega un cittadino ad Alqamah.it – piano piano si stanno staccando tutte. Peccato, era davvero un bel murale”.

Ormai molte delle piastrelle sono andate distrutte per sempre; un murale che da simbolo di legalità, rivolto proprio ai giovani, si è trasfomato presto in un pericolo per l’incolumità dei bambini che quotidianamente affollano la villa Olivia.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteASD Alqamah, parte la nuova stagione 2017/18
Articolo successivoBuona prova della Libertas di Alcamo contro gli Eagles Palermo
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.