Lotta allo spaccio di stupefacenti. Due persone nella “rete” dei Carabinieri della Compagnia di Alcamo

11850

Castellammare del Golfo – Continua la lotta al fenomeno dello spaccio di stupefacenti condotta dagli uomini della Compagnia di Alcamo sotto la guida del Cap. Giulio Pisani.

Dalle prime ore di ieri 8 Giugno, i Carabinieri del Nucleo Operativo e della Stazione Carabinieri di Castellammare hanno eseguito due distinte operazioni di polizia nei confronti di altrettanti soggetti, conosciuti agli uomini dell’Arma e sospettati di detenere stupefacente all’interno delle rispettive abitazioni.

Il primo a cadere nella rete dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile è stato Gaetano Gnoffo 68enne di Castellammare del Golfo. I militari, diretti dal Tenente Sebastiano Russo, in abiti civili, hanno seguito per giorni l’uomo ed hanno atteso la mattina di ieri per passare all’azione.

All’interno della sua abitazione, a termine di una perquisizione, sono stati rinvenuti circa 20 gr di cocaina oltre a bilancini di precisione utilizzati per il confezionamento in dosi dello stupefacente.

Analoga sorte è toccata a Pietro D’Aguanno 43enne di Castellammare del Golfo.

I Carabinieri della locale Stazione CC, da sempre conoscitori delle dinamiche cittadine, hanno appreso la notizia che l’uomo nascondeva stupefacente all’interno della sua abitazione.

I militari, diretti dal Maresciallo Carta, hanno eseguito una perquisizione domiciliare rinvenendo oltre 80 grammi di hashish e circa 3000 euro in contanti che si ritengono frutto dell’attività di spaccio.

Entrambi gli arrestati saranno processati nella mattinata odierna presso il Tribunale di Trapani con rito direttissimo.

Le attività di contrasto al fenomeno dello spaccio di stupefacenti proseguiranno nei prossimi giorni così come disposto dal Comando Provinciale di Trapani.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSostegno ai lavoratori del Presidio Ospedaliero alcamese da parte del sindacato
Articolo successivoCaso “Buoni libro”. PD di Alcamo: “fortemente penalizzate le famiglie alcamesi”