Don Ciotti incontra gli studenti trapanesi in vista del 21 Marzo

1430

TRAPANI. Si svolgerà lunedì 27 febbraio alle ore 10:30, presso il Cine Teatro Don Bosco a Trapani, l’incontro con Don Luigi Ciotti e gli studenti trapanesi in vista della giornata del 21 Marzo, dedicata alla memoria e all’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

Quest’anno la manifestazione regionale si svolgerà a Trapani, convogliando la presenza di tantissimi giovani, associazioni e cittadini da tutta la sicilia.

La giornata è stata organizzata dal presidio di Libera di Trapani “Giangiacomo Ciaccio Montalto” in collaborazione con le associazioni universitarie Alfaomega e Unitrapani. All’incontro prenderà parte Don Luigi Ciotti.

Tale evento si inserisce nel progetto dei “100 passi verso il 21 Marzo” come momento di introduzione e formazione alla XXII Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie dal tema “Luoghi di speranza e testimoni di bellezza”.

Quest’anno il 21 Marzo, oltre che in Calabria con Locri piazza principale, la manifestazione regionale in Sicilia avrà come luogo principale la città di Trapani. La scelta non è casuale: la direzione nazionale antimafia ha ribadito come su tale territorio, la mafia, retta dal boss latitante di Castelvetrano, Matteo Messina Denaro, presenti connotazione di maggiore coesione e impermeabilità, oltre che una forte capacità di condizionamento ambientale. Proprio per tale motivo, è necessario coinvolgere i giovani di questo territorio per rilanciare, attraverso l’impegno della società responsabile e delle istituzioni, il concetto di bene comune e la cultura della giustizia sociale

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLA FAVOLA DELLE REGIE TRAZZERE DI SICILIA. CAPITOLO IV – PARTE IX – Il giornale di viaggio fatto in Sicilia dall’Abate Paolo Balsamo 1808. Da Catania a Palermo
Articolo successivoIn trasferta a Marsala arriva una bella vittoria per l’Alcamo Futsal
Marcello Contento
Marcello Contento, nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.