Nonostante fosse sottoposto ad obbligo di dimora, a Calatafimi Segesta, compie un duplice furto

11139

Nonostante sottoposto all’obbligo di dimora, il pregiudicato Giuseppe Vattiata, 33enne di Calatafimi Segesta, ha compiuto un duplice furto aggravato.

Vattiata si è messo in moto lunedì, ha prima tentato di forzare l’ingresso di un bar nel centro di Calatafimi Segesta, e immediatamente dopo ha concentrato le sue “attenzioni” su una sala giochi distante pochi metri. Dopo averne forzato l’ingresso, si è impossessato di denaro contante pari a circa 100 euro, in più ha sottratto alcune bevande alcoliche.

Ma l’uomo non è sfuggito all’occhio vigile di un militare dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Alcamo che si trovava vicino la sala giochi. Il Carabiniere, in abiti civili e libero dal servizio, non ha però esitato a intimargli di fermarsi e così ha proceduto, insieme ai Carabinieri della locale stazione nel frattempo sopraggiunti, all’arresto in flagranza dell’uomo per furto aggravato.

Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Trapani, l’uomo è stato trattenuto tutta la notte nelle camere di sicurezza della Compagnia di Alcamo e nella mattinata di ieri è stato sottoposto a processo con rito direttissimo. Al termine dell’udienza di convalida, il Vattiata è stato condannato alla detenzione in carcere e immediatamente tradotto presso la Casa Circondariale San Giuliano di Trapani.

“Un plauso particolare, al militare libero da servizio che ha consentito l’arresto di Giuseppe Vattiata, è giunto dal Comandante della Compagnia di Alcamo, Capitano Giulio Pisani, che ha posto l’accento sull’importanza della conoscenza del territorio e delle persone di interesse operativo da parte di tutti i militari dell’Arma, che devono sempre essere al servizio del cittadino, anche quando non indossano la divisa della “Benemerita””.

Fonte: Comunicato

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl coordinamento provinciale di Libera Trapani si congratula per l’operazione “Freezer”
Articolo successivoBlitz antimafia “Freezer”, il M5S di Alcamo ringrazia la Procura e le Forze dell’Ordine