Due arresti per estorsione a Petrosino

1783

Per mesi si sono fatti consegnare da un povero malcapitato petrosileno piccole somme di denaro, che nel tempo hanno raggiunto l’ammontare di circa 2.000 €, almeno fino a venerdì scorso, quando l’intervento dei Carabinieri della Stazione di Petrosino, ha messo fine ad un’estorsione che andava avanti da troppo tempo.

I Militari dell’Arma si sono attivati dopo la denuncia della parte offesa che, non sapendo più come fare, ha chiesto aiuto per risolvere il suo problema: nel tempo le piccole somme di denaro che gli erano state richieste con la minaccia di ritorsioni se si fosse rifiutato, avevano raggiunto un prezzo troppo alto, che non poteva più permettersi.

Per questo motivo all’ultimo incontro, svolto come sempre per la consegna dei soldi, erano presenti anche i Carabinieri che sono riusciti a fermare i due estorsori appena avvenuto lo scambio.

I due fermati, identificati in Mandachi Alina, romena di 35 anni, e Gallo Gaspare, 44 enne mazarese, sono stati subito condotti presso gli uffici della stazione dove, al termine di tutti gli accertamenti, è stata dimostrata la loro condotta criminale e per questo motivo dichiarati in arresto per il reato di estorsione.

Su disposizione della Procura della Repubblica di Marsala i due sono stati tradotti presso le loro abitazioni dove rimarranno ristretti agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.

All’esito dell’interrogatorio di garanzia, il G.I.P. del Tribunale di Marsala, sentiti i due arrestati, ha disposto nei loro confronti la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla parte offesa, al fine di tutelarne l’incolumità fisica, in attesa dello svolgimento del processo nei loro confronti.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Libera il lavoro con 2 Sì. Tutta un’altra Italia” al via la campagna referendaria della CGIL. Iniziative anche ad Alcamo.
Articolo successivoMurales per la legalità: “Segni urbani” fa tappa a Castellammare del Golfo