Messana (UDC) propone: “Effige di C. D’Alcamo sulla facciata del palazzo municipale di Alcamo”

1180

La facciata del palazzo municipale presenta uno spazio vuoto, c’è un medaglione dove era raffigurato il simbolo del fascismo, dopo la caduta di esso i simboli sono stati rimossi, quindi converrebbe riempire quel vuoto.

rosa-fresca-aulentissima-caliaSi occupa di ciò la mozione presentata del gruppo UDC in seno al Consiglio Comunale di Alcamo, composto da Messana e Norfo. La proposta è di riempire tale vuoto con l’effige di Cielo D’Alcamo. A Messana è venuta questa idea – come spiega nell’interrogazione – leggendo ” il libro del professore Calia dedicato al vecchio teatro di Alcamo (Alcamo e il suo Teatro). Scorrendo la pagina del libro ho avuto modo di costatare che a pagina 160 viene riprodotto, con apposito medaglione, l’effigie di Cielo D`Alcamo. Allora perché non “riempire tale vuoto con l’effige di C. D’Alcamo, illustre concittadino autore, della famosa”ROSA FRESCA AULENTISSIMA”, CIELO D”ALCAMO”.

“Non credo – aggiunge – ci sia bisogno di relazionare sul personaggio che, a buon ragione, viene definito autore della lingua italiana. Anche il defunto Premio Nobel per la cultura, DARIO FO”, ha dedicato a ROSA FRESCA AULENTISSIMA” una sua interpretazione e se fosse ancora in vita plauderebbe di certo a tale iniziativa”.

“Auspico – conclude l’interrogazione – approvazione di questa nostra proposta da tutto il consiglio comunale”.

All’interrogazione è stata allegata la foto riproduttiva del testo del professore Calia “ALCAMO E IL SUO TEATRO”

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Il sopravvissuto”
Articolo successivoIncidente in autostrada subito dopo Segesta