Morì sul lavoro, pm chiede condanne

3662

Processo per l’incidente occorso ad un operaio all’interno di un cantiere

Tribunale TrapaniEra il 31 agosto 2012 e un operaio morì all’interno di un cantiere privato nella zona di Sant’Anna durante i lavori di costruzione di una villetta. Si chiamava Giuseppe Buturo, aveva 62 anni. Fu travolto da una frana, subì gravissime ferite al torace e la frattura delle costole provocarono una asfissia purtroppo mortale. Il processo, cominciato nell’ottobre 2013 davanti al Tribunale ha visto nell’ultima udienza l’intervento del pm Rossana Penna che ha chiesto la condanna degli imputati. Si tratta degli imprenditori Mario Galbo e Giuseppe Messana e dell’ingegnere Alessandro Calvaruso. Per Galbo e Messana il pm ha chiesto 2 anni e 4 mesi, 14 mesi per Calvaruso. Le accuse contestate vanno dall’omicidio colposo ad irregolarità circa l’applicazione delle misure per la sicurezza sul lavoro. Il prossimo 6 dicembre il dibattimento proseguirà con le arringhe dei difensori. Il processo è quello dal quale prese spunto un’altra indagine relativa all’illegittimo rilascio di concessioni nella zona pedemontana di Alcamo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMalore a bordo di una nave da crociera, interviene la Guardia Costiera
Articolo successivoMercato Contadino “Biomercato” ad Alcamo
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.