“Basket spettacolo” e Alcamo ha la meglio su Cus Palermo

801

cus-2LIPARI CONSULTING ALCAMO 102: Ranalli 26, Ajola 12, Bottiglia 2, Giusti 16, Russo Tiesi 3, Ferrara, Ventimiglia 8, Provenzano 20, Agrusa, Vallone 2, Genovese 13, Alfano. Coach: Vincenzo Ferrara

CUS PALERMO 64: Rotolo 4, Di Marco, Bonanno 13, Griffo 2, Mineo 10, Patti 4, Cicala 11, Inzerillo 7, Cigna 2, Bellomonte 10. Coach: Federico Catania.

I primi due periodi Alcamo si adegua all’avversario, ma dopo l’intervallo incanta con un “basket spettacolo”  e ha la meglio sul Cus Palermo.

Di sicuro ha dato una spinta la grinta del coach Ferrara che si sarà fatto sentire dai suoi nell’intervallo. A dare qualcosa in più la “geniale luce”, con il suo ingresso in campo, dopo ben 11 mesi di stop, di Daniele Ferrara. Otto minuti grandiosi con recuperi difensivi, propulsione, personalità in cabina di regia e alcuni assist davvero da “paura”.

La squadra segue il suo play e nel terzo periodo infilano 40 punti contro gli 11 dei palermitani. Da segnalare anche i tiri da tre punti di Giusti (3 su 4) e di Genovese, i canestri continui di Provenzano e la presenza costante di Ranalli, top-scorer del match con 26 punti di bottino personale.

Tra gli ospiti si sono messi in mostra Bonanno, Cicala, l’ex Bellomonte e Mineo. Il risultato finale, 102 – 64 però fa capire chi ha fatto la partita.

La Lipari Consulting, dopo le prime tre giornate, rimane a punteggio pieno ed è in costante crescita nonostante gli infortuni di Andrè e Tagliareni. Il pubblico sembra seguire la squadra alcamese e accorre numeroso al “PalaTreSanti”. Ieri, comunque, applausi erano soprattutto per Daniele Ferrara, il play alcamese di 29 anni, beniamino locale, rientrato alla grande dopo l’intervento chirurgico al ginocchio e 11 mesi di assenza.

Domenica la capolista affronterà il derby di Marsala.

Fonte: Comunicato

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl PSI di Calatafimi attacca l’Amministrazione sull’assenza della maggioranza in consiglio comunale
Articolo successivoInaugurazione dell’Anno Accademico Calcistico 2016/2017. “Un calcio alla mafia nei campi di calcio”