Presentato il vincitore del concorso di idee per la realizzazione del Logo del MACA

3710

20161015_112631ALCAMO – E’ stato svelato questa mattina il nuovo logo del MACA – Museo di Arte Contemporanea di Alcamo. A vincere il concorso indetto dal Comune di Alcamo Eugenio Bini, architetto perugino, che è riuscito a racchiudere nel suo logo molteplici significati legati alla nostra terra, al nuovo concept del museo e riprendendo il tema del loggiato.

Sul podio con lui due partecipanti alcamesi che hanno ottenuto un punteggio molto vicino a quello del primo classificato: Alessio Calandrino e Giulio Ferrarella.

A valutare i lavori pervenuti al Comune l’ingegnere capo Anna Parrino, Mauro Filippi di PUSH e Francesco Maniscalchi dirigente al Comune di Alcamo.

20161015_111422“Sono arrivate ben 78 proposte di Logo” fa sapere l’Ing. Parrino. “Sette di queste sono arrivate fuori tempo massimo e 24 non sono potute rientrare nel vaglio per motivi legati alle norme sull’anonimato, ma comunque la partecipazione è stata soddisfacente”. “Più del 60% dei partecipanti al concorso – continua la Parrino –  ha declinato sul loggiato del Collegio dei Gesuiti”.

“La cultura è una canale che ci può portare a superare le sfide economiche in cui ci troviamo e in cui tutti i Comuni versano” è stato un commento del Sindaco Domenico Surdi. “Abbiamo tanti spazi culturali che dobbiamo riuscire a sfruttare nella maniera migliore possibile: dobbiamo riuscire a fare sistema e sfruttare così la grande fortuna che abbiamo”.

20161015_111403La giornata di oggi rientra nella XII Giornata del Contemporaneo che si tiene oggi in tutta Italia, promossa dall’Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani (AMACI), alla quale anche il Comune di Alcamo ha aderito.

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAmichevole della TH Alcamo con la Giovinetto Petrosino
Articolo successivoIndagò sui potenti, trasferito
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.