Anche ad Alcamo “Io non rischio”

1711

IO-NON-RISCHIOAlcamo sabato 15 e domenica 16 ottobre ospiterà la campagna nazionale di comunicazione, quindi informazione, sulla prevenzione dei rischi derivanti da terremoti, maremoti e alluvioni. Il nome dato all’evento è “Io non rischio”. Un’informazione necessaria per i cittadini, anche per porre l’attenzione su eventi che derivano, in parte, da decisioni prese sul territorio dagli uomini. Le cronache passate, vedi alluvione zone del messinese e tanti altri esempi, e presenti, vedi terremoto che ha colpito il centro Italia, mettono in evidenza l’importanza di tale iniziativa.

Questo evento in Italia si ripete da sei anni: “Io non rischio” – campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs- Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica.

L’edizione 2016 coinvolge volontari e volontarie appartenenti alle sezioni locali di 27 organizzazioni nazionali di volontariato di protezione civile, nonché a gruppi comunali e associazioni locali.

L’elenco dei comuni interessati dalla campagna il prossimo 15 e 16 ottobre è online sul sito ufficiale della campagna, www.iononrischio.it, dove è possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto o un maremoto.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDue fermi per favoreggiamento aggravato all’immigrazione clandestina
Articolo successivoIl neocomandante dei Carabinieri, Di Stasio, ha reso omaggio alle vittime della mafia visitando il Giardino della Memoria