La Capitaneria restituisce lo scalo di alaggio ai panteschi

1025

Aleggio-Pantelleria-2Pantelleria – Il personale dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Pantelleria, ha completato l’operazione di bonifica dello scalo di alaggio situato alla radice del c.d. molo Nasi, occupato abusivamente da barche inoperose, tra cui anche alcuni relitti, ivi depositate in violazione dell’Ordinanza nr. 08 del 09.05.2005. Inoltre, nel corso dell’operazione sono stati anche recuperati dall’Agesp S.p.a., per il successivo smaltimento, alcuni rifiuti non pericolosi in abbandono.

L’attività è stata dettata dall’urgenza di tutelare gli interessi superiori della collettività e della tutela ambientale, in quest’ottica tutti gli interessati sono stati diffidati a rimuovere le proprie barche, mentre le rimanenti in abbandono sono state rimosse coattivamente dal personale della Guardia Costiera, che si riserva di restituirle a coloro che ritengano di avervi diritto.

Per mezzo della suddetta attività, l’area demaniale marittima viene, definitivamente, restituita ai panteschi e a tutti coloro che hanno esigenza di utilizzarla per le operazioni tecniche di alaggio e messa a mare di barche.

Parallelamente, quest’Autorità Marittima è stata recentemente autorizzata dal Tribunale di Marsala a disporre lo spostamento delle barche sottoposte a sequestro depositate presso la banchina del molo Toscano. Seguiranno aggiornamenti.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAbc dona un’altalena per i disabili alla città
Articolo successivoLibera la Creatività