Area artigianale Sasi-Calatubo ad Alcamo in stato d’emergenza e degrado

2171

contrada sasi calataubo (3)ALCAMO. Doveva essere il fiore all’occhiello dell’artigianato e delle piccole e medie imprese del territorio alcamese, invece, l’area artigianale di contrada Sasi-Calatubo, si presenta sotto gli occhi di tutti in totale stato di degrado e di abbandono.

Marciapiedi e viali spartitraffico senza manutenzione, spazzatura di ogni tipo disseminata lungo il viale, illuminazione carente e assenza di una toponomastica o odonomastica adeguata. Il viale, ad esempio, non ha un nome identificativo e lungo la contrada diverse sono le denominazioni attribuite ad aree che distano pochi metri tra loro.   Questo è lo stato dell’arte di un luogo pensato e voluto come il volano di sviluppo per l’economia alcamese. In questi mesi la condizione non è migliorata e nessun intervento in tal proposito è stato effettuato.

Molteplici sono stati gli inviti fatti alle precedenti amministrazioni, e adesso anche a quella nuova, sulle condizioni dell’area artigianale. Soluzioni che dovranno partire dall’individuare un piano generale di sviluppo, senza cadere nell’errore di escogitare piccole scorciatoie che non supereranno mai il problema. Un’altra sfida che la nuova amministrazione targata cinque stelle sarà obbligata ad affrontare se vorrà rilanciare le sorti della piccola e media impresa alcamese.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCalciomercato, la sessione estiva del Trapani Calcio
Articolo successivoMartedì 6 consiglio comunale ad Alcamo
Marcello Contento
Marcello Contento nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.