“Il Prete filosofo. Don Leonardo Giuseppe Zangara” di Rosa Maria Ancona

2268

foto_Rosa_Maria_Ancona-ridUltimo appuntamento con Baia d’Autore, giovedì 18 Agosto, alle ore 21.30, a Custonaci, sulla terrazza del Lido Baia Cornino, in occasione della rassegna “Baia d’autore – Letture al Chiaro di Luna”, organizzata dal Comune di Custonaci. La presentazione del libro di Mons. Pietro Maria Fragnelli con il “Tabernacolo della Memoria – La Chiesa tra storia e teologia”, prevista per la serata, è stata spostata all’interno dell’evento “Regina Pacis – Faro di Pace nel Mediterraneo” che si svolgerà dall’8 all’11 settembre a Custonaci.
In sostituzione e con grande carisma per la serata Rosa Maria Ancona presenterà il libro “Il Prete filosofo. Don Leonardo Giuseppe Zangara” – Collana Thalìa. Un focus sul filosofo e teologo Don Zangara, personalità geniale, dalle doti intellettuali, dalle virtù teologiche e dalle inesauribili risorse spirituali. Personaggio eclettico ebbe l’intuizione sulla realizzazione del porto di Castellammare del Golfo.

Interviene con l’autrice lo storico trapanese Salvatore Costanza, che ne ha curato l’introduzione.

L’autore

Rosa Maria Ancona nata a Castellammare del Golfo, scrittrice – giornalista, ha al suo attivo diverse pubblicazioni di poesie, saggi e commedie, tradotte anche all’estero (Francia, Inghilterra, Russia, Romania, Slovacchia…).
Il forte legame con l’Isola la porta ad interessarsi, appassionatamente, di “folklore siculo”. Ha dedicato una intensa “Monografia” all’illustre Poeta – cantastorie Ignazio Buttitta, al quale è stata legata da lunga amicizia”.
Sulla “storia locale” del paese d’origine ha scritto: “Maria SS. del Soccorso” (itinerario culturale, religioso e folklorico) intr. di S. A. Principe Francesco Alliata di Villafranca – Ed. Mazzotta, 2004; “Il prete filosofo” (Don Leonardo Giuseppe Zangara) intr. Prof. Salvatore Costanza – Ed. Thalia, 2009; “Panara e panareddra” – Ed. Thalia, 2010; “Letteratura devozionale per mare e per terra”- intr. Giovanni Cammareri/Cinzia Demi- Ed. Jò – A.L.A.S.D,, 2011. Ha curato il testo: “La mattanza pesca sacra” – Ed Clio , 2003. La scrittrice, con il suo impegno culturale, intende dare dignità e valore alla lingua – madre considerandone l’importanza da tramandare alle generazioni future.
Il suo progetto, in tal senso, analizza l’evoluzione della lingua sicula non dimenticando la funzione dei poeti castellammaresi, del recente passato, ai quali la stessa è, emotivamente legata.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSuccesso di pubblico per “Lysistrata”. Stasera “Gesta dell’Orlando Furioso”.
Articolo successivoSeconda giornata del festival Alcart Legalità e Cultura