Festino per rievocare la presenza dei Gesuiti a Mazara del Vallo. Omaggio floreale al Cristo a 18 metri di profondità

971

vito1Sarà un festino che rievocherà la presenza dei Gesuiti a Mazara del Vallo, quello dedicato a San Vito che si svolgerà quest’anno in città. Mercoledì 17 agosto l’annuncio in piazza della Repubblica che aprirà ufficialmente i festeggiamenti. Quest’anno il regista Giovanni Isgrò ha voluto incentrare l’azione scenica e la ricerca storica proprio sulla presenza dei Gesuiti a Mazara del Vallo. «Quella dei Gesuiti in città (con inizio sul finire del ‘600) è stata una presenza fondamentale nella storia non soltanto religiosa ma anche nel tessuto economico e artistico di Mazara del Vallo – spiega Giovanni Isgrò – perché i Gesuiti si presero cura di migliorare le condizioni economico-sociali della città. La coltura del grano, ad esempio, era di grande potenzialità, bisogna solo regolarizzarla. Per questa ragione si insediarono a Borgata Costiera e lì insegnarono alle donne e ai contadini del luogo a realizzare, anche col cesello, i pani votivi».

Il Programma:

vito2Mercoledì 17 agosto, alle ore 18,30, si terrà l’annuncio del Festino e, a seguire, il trasporto del simulacro di San Vito dalla chiesa di San Michele alla chiesa di San Vito in Urbe. Giovedì 18: ore 3, scampanio dei sacri bronzi e processione notturna col trasporto del simulacro del Santo dalla chiesa di San Vito in Urbe alla chiesa di San Vito a Mare; rappresentazione della fuga di Vito Modesto e Crescenza e sparo dei fuochi d’artificio Jochi di focu a ddiunu; ore 9, celebrazione eucaristica nella chiesa di San Vito a mare presieduta dal Vescovo; ore 19,30 corteo storico e a quadri viventi, con la partecipazione del gruppo figurante dell’Ordine dei Gesuiti con vessillo, dei Giurati della città del sec. XVIII , dell’Asd “Il Ginnasta” con il grande telo della pace, delle portatrici delle spighe e del grande pane devozionale, del gruppo storico dei pescatori , dei Tamburi di Aspra. Nel corso del corteo, teatralizzazioni in strada. Narratori – attori: Rosanna M. La Chiana, Girolamo Cristaldi. Danzatrice solista: Giusy Russo. Performances del Gruppo “Quelli di Santa Veneranda”. Alle 22 cerimoniale e teatralizzazioni conclusivi. Sabato 20: ore 19, Cattedrale, solenne pontificale del Vescovo. Domenica 21: ore 9 e ore 11, Cattedrale, santa messa; ore 17,30 processione del simulacro del Santo Patrono e imbarco del simulacro di San Vito.

Da segnalare l’omaggio floreale al Cristo a 18 metri di profondità, cioé nel corso della traversata, grazie alla collaborazione del centro diving “Asd Blue Deep”, un gruppo di sub collocheranno un omaggio floreale al simulacro del Cristo posto a 18 metri di profondità qualche miglia fuori la costa di Mazara del Vallo. Il Vescovo, invece, lancerà in mare una corona di alloro in ricordo dei caduti in mare. Al rientro il simulacro argenteo del Santo sarà portato in processione per poi fare rientro nella chiesa di San Michele dove viene custodito tutto l’anno. A mezzanotte i giochi pirotecnici.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSul palco dell’Anfiteatro Ex Cave Orto di Ballo Lo Straniero, La Notte, Momo Said, Giovanni Truppi
Articolo successivoLa magia dell’ALBA a Segesta e il Don Chisciotte Della Mancia narrato da Vincenzo Pirrotta