Castellammare, entra in consiglio Mario Di Filippi. Francesco Foderà nuovo vice presidente

2126

consiglio comunale castellammareCASTELLAMMARE DEL GOLFO. Si è svolto giovedì il consiglio comunale straordinario a Castellammare del Golfo dopo il rimpasto della giunta comunale.

Ad entrare come primo dei non eletti  della lista “Lavoro e Sviluppo” in Consiglio comunale, al posto della consigliera Lorena Di Gregorio entrata in giunta al fianco di Coppola, è l’ex assessore Mario Di Filippi, dimessosi per lasciare il posto alla Di Gregorio. Per i due componenti di “Articolo 4” si tratta di un vero e proprio scambio di ruoli.

Eletto invece vice presidente del Consiglio Comunale al posto del consigliere Giuseppe Fausto, entrato anche lui in giunta, Francesco Foderà appartenente al Gruppo Misto ma da sempre al fianco di Coppola. Il Consigliere Foderà è stato eletto alla seconda votazione ottenendo 10 voti su 19 presenti in aula. Alla prima votazione (18 presenti)  Foderà aveva ottenuto lo stesso numero di consensi, non sufficienti in prima istanza per essere eletti, mentre la minoranza si era chiaramente indirizzata su Laura Ancona (4 voti) con l’aggiunta di 3 bianche ed un voto nullo.

Coppola così ritrova la maggioranza e prende tutto: presidenza e vice presidenza. Al contrario di Lorena Di Gregorio Giuseppe Fausto e Maurizio Paradiso nono si sono dimessi dalla carica di consiglieri Comunali; doppia carica prevista da una legge regionale.

Sempre durante il consiglio di giovedì è stato approvato il rendiconto finanziario 2015.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteBonventre: “indennità, per molto tempo vi ho rinunciato”
Articolo successivoL’Assessore al Bilancio del Comune di Alcamo Scurto risponde sugli aumenti delle indennità
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.