Un nigeriano il colpevole (Video)

4122

2016-07-26-PHOTO-00000514Arrestato dai carabinieri l’aggressore della donna trovata in fin di vita a Valderice lo scorso 31 maggio. A collaborare all’indagine la stessa comunità nigeriana

Risolto dai carabinieri della Compagnia di Trapani il giallo sull’aggressione di una donna avvenuto a Valderice. Il fatto risale alla notte del 31 maggio scorso. Alle prime ore del giorno riversa per terra, incosciente, gravemente ferita fu trovata una donna , di 57 anni, che fu ricoverata in ospedale per lesioni e tumefazioni che avevano offeso il viso, il capo e diverse parti del corpo. La donna aveva partecipato ad un raduno di poeti, organizzata da una associazione culturale, è una volta uscita per strada , nella via Toti, prossima al centro di Valderice, per raggiungere l’auto e’ stata vittima dell’aggressione. Le indagini condotte dai carabinieri e coordinate dal procuratore della Repubblica Marcello Viola e dai pm Anna Trinchillo e Franco Belvisi hanno individuato il presunto autore.

OMWANTA ValentineSi tratta di un extracomunitario di nazionalità nigeriana di 25 anni Omwanta Valentine arrestato per tentata violenza sessuale, lesioni gravi e rapina. Nei suoi confronti è stato emesso un provvedimento di fermo convalidato oggi dal gip che ha confermato la misura cautelare in carcere. Il giovane si trovava ospite di un centro Cas, a Sant’Andrea Valderice. Nel corso della conferenza stampa il procuratore Marcello Viola ha sottolineato la collaborazione data dalla stessa comunità nigeriana. “Una collaborazione importante – ha sottolineato il comandante provinciale dei carabinieri col. Stefano Russo – che si è aggiunta al serrato lavoro investigativo condotto dai carabinieri”. Le indagini che hanno seguito inizialmente diversi moventi, alla fine si è concentrata sulla pista di una rapina. Nel corso di indagini all’interno del Cas di Sant’Andrea , prossimo al luogo della violenta rapina, i carabinieri hanno scoperto dell’allontanamento di un migrante, appunto l’odierno arrestato, “individuato all’interno del Cara di Mineo – ha spiegato alla stampa il comandante della Compagnia di Trapani capitano Livio Luperi – presso il quale si era intanto trasferito e da dove era in procinto di fuggire ancora. L’interrogatorio è ulteriori accertamenti hanno indotto la procura a emettere il fermo”. Anche perché il nigeriano ha confessato le proprie colpe. Secondo la ricostruzione la donna è’ stata aggredita alle spalle, quasi soffocata è caduta per terra subendo la violenta aggressione, e’ stata trascinata in un terreno vicino alla via Toti, per essere derubata di un telefono cellulare e di 50 euro, ci sono ancora accertamenti circa la tentata violenza sessuale. Oggi le sue condizioni sono migliorate, e’ stata dimessa dall’ospedale ed è tornata a casa.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteUn viaggio in Italia con la radio accesa
Articolo successivo“Invasione” di giovani filmmaker ad Erice, provengono da 67 Paesi del Mondo
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.