Palmeri: “Emergenza rifiuti in provincia” sopralluogo al CCR di Salemi

3569

Palmeri M5SSALEMI. Ieri mattina gli attivisti 5 stelle di Salemi e Valentina Palmeri hanno fatto un sopralluogo al Centro Comunale di Raccolta per verificarne lo stato e la valutazione che ne è scaturita è stata senza dubbio critica.

“La situazione è al limite dell’emergenza, – afferma Valentina Palmeri – i cassonetti sono stracolmi e la raccolta rifiuti avviene a singhiozzo. Le difficoltà riguardano il conferimento dei rifiuti indifferenziati di Salemi e degli altri comuni della Sicilia occidentale che, in seguito all’ordinanza del Presidente della Regione (5rif. del 7 giugno 2016), sono stati obbligati a portare i propri rifiuti nella discarica di Trapani di c.da Borranea, al momento sottodimensionata”.

La situazione di Salemi è simile a quella di molti altri paesi della provincia e pertanto sencondo Valentina Palmeri ha responsabilità il governo regionale: “Sulla questione dei rifiuti il governo Crocetta sta mostrando la sua totale inettitudine. La discarica di Trapani, presso cui mi recherò giovedì mattina in ispezione, sembra essere inadatta a ricevere i quantitativi imposti dall’ordinanza”. “Ho già sollevato al Prefetto di Trapani le mie perplessità in merito  e auspico che l’incontro calendarizzato nei suoi uffici, tra i sindaci del comprensorio, per venerdì mattina, serva a trovare una soluzione e non sia solo uno “sfogatoio”. Al governo regionale la Palmeri consiglia infatti le dimissioni poichè tale situazione è per lei specchio di un’incapacità di gestire netta e precisa.

Secondo la Palmeri occorre una risposta da parte della società stessa:  “La Trapani Servizi S.p.A., società che gestisce la discarica di c.da Borranea, deve dire se è in grado di rispettare l’ordinanza regionale, e quindi accogliere i rifiuti che i comuni vanno a conferire, anche in vista dell’allargamento della discarica a Marsala ed altre città. Se, come appare dallo stato in cui versano le nostre città, non è in grado, allora l’ordinanza dovrà essere cambiata. I cittadini hanno il diritto di vivere in un ambiente salubre”.

Non ha mezze misure la deputata alcamese: “I cittadini devono essere consapevoli che se si trovano/troveranno con le strade piene di immondizia,  le responsabilità sono esclusivamente del presidente Crocetta, dell’assessore regionale all’energia Vania Contrafatto e di interessi loschi che mirano a contrastare la raccolta differenziata in favore della costruzione degli inceneritori. È di questi giorni, poi, la notizia della volontà del comune di Trapani di costruire un “dissociatore molecolare”, impianto che produce comunque scorie da incenerimento, e riduce il volume dei rifiuti che per giunta diventano “speciali”. Ci opporremo sempre e comunque a queste tecnologie “brucia rifiuti”, inquinanti e cancerogene. I rifiuti devono essere differenziati e divenire un guadagno, non un costo sociale e sanitario. Non abbasseremo la guardia finché non si arriverà alla soluzione definitiva del problema”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCondannato l’ex collaboratore di giustizia Calcara per diffamazione nei confronti dell’ex sindaco Antonio Vaccarino
Articolo successivoCastellammare: al via rimozione straordinaria e censimento amianto