Bonventre sull’inchiesta “affari sporchi”: mai riunioni di giunta a casa Perricone

5440

BonventreBonventre precisa che nessuna riunione si è tenuta da Perricone e che la sua permanenza in giunta è durata di soli tre mesi.

ALCAMO. Rompe il silenzio l’ex Sindaco di Alcamo, Sebastiano Bonventre, in merito ad alcune notizie stampa sulla vicenda “affari sporchi”. In primis il fatto che si tenessero riunioni di Giunta a a casa e/o negli uffici di Pasquale Perricone: l’affermazione è totalmente destituita di ogni fondamento. Ricordo che Perricone,cui auspico sappia chiarire la sua posizione,ha ricoperto la carica di vicesindaco per circa tre mesi essendosi subito dimesso per partecipare quale candidato alle elezioni regionali. Al più può essersi svolta in quelle sedi qualche riunione di maggioranza politica ma nulla che abbia a che fare con attività di giunta.

Bonventre evidenzia anche come Area Democratica sia uscita dalla maggioranza già dal secondo anno del suo mandato.

Ricordo ancora – precisa l’ex sindaco – come Area Democratica sia uscita dalla maggioranza oltre un anno prima delle mie dimissioni. Ricordo altresi’ come il piano triennale delle opere pubbliche venga approvato dal Consiglio Comunale e non dalla giunta che elabora semplicemente una proposta assolutamente non vincolante. E gli atti delle sedute consiliari sono la migliore attestazione di ciò.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDario Safina in corsa per le primarie a sindaco del centrosinistra a Trapani
Articolo successivoAnche Lauria interviene su Benenati
Marcello Contento
Marcello Contento, nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.