Castellammare, il Partito Democratico: “Con i proclami non si risolvono i problemi. Solo una scusa per non assumersi le proprie responsabilità”

1624

partito-democratico_martanoCASTELLAMMARE DEL GOLFO. Con una nota firmata dal segretario Francesco Gianquinto, il Partito Democratico di Castellammare del Golfo si esprime sugli ultimi avvenimenti che hanno interessato la politica di Palazzo Crociferi. “Abbiamo assistito in questi giorni all’ennesimo atto del teatrino della politica,  – scrive il segretario Francesco Gianquinto – da parte di novelli politicanti che interpretano il classico copione della critica sterile e distruttiva, con tono da eterna campagna elettorale, come risulta dalle recenti dichiarazioni di consiglieri di opposizione. Sfruttare episodi, purtroppo ancora diffusi, di mafia o malavita organizzata, non legati in alcuni modo all’azione amministrativa, per salire alla ribalta mediatica chiedendo le dimissioni del Sindaco salvo poi, non riscontrando alcun coinvolgimento, ridimensionare il tutto parlando di deriva amministrativa, lo riteniamo un atteggiamento squallido e deontologicamente scorretto. Questo agire politico non ci appartiene e con forza lo rifiutiamo. Il Partito Democratico, – continua – assieme ad altre tre liste civiche e sulla base di un programma di mandato, ha ottenuto la fiducia dei cittadini per sostenere il Sindaco Coppola, e i suoi rappresentanti nell’Amministrazione Comunale si impegnano tutti i giorni per realizzare gli obiettivi contenuti in detto programma con costanza e dedizione. In questi anni sono stati raggiunti diversi importanti obiettivi quali, per esempio, la variante urbanistica nelle zone A2 e A3 del centro storico, che darà impulso all’economia locale; l’impegno sul fronte della legalità per la valorizzazione del patrimonio confiscato alla mafia per finalità sociali, mediante la presentazione di progetti per oltre 700 mila euro; le continue richieste di dragaggio del porto, il rinascimento della spiaggia, supportato dall’atto di indirizzo proposto dal gruppo consiliare di Articolo 4 ed approvato dal Consiglio Comunale.palazzo crociferi - partito democratico

E ancora, l’impegno sul fronte della riduzione dei costi (es. telefonia) – aggiunge il segretario cittadino – e la razionalizzazione delle spese, l’efficientamento energetico, la costante attenzione alle politiche sociali e per l’edilizia scolastica, il confronto quotidiano con tutte le rappresentanze della società civile e delle attività produttive. Risultati che hanno visto impegnati, in prima linea, il Vice Sindaco Salvo Bologna ed il gruppo consiliare in maniera seria e costante, fornendo anche supporto attivo all’amministrazione come, ad esempio, nella proficua collaborazione con il tecnico esterno incaricato dalla giunta per la realizzazione del nuovo piano ARO, e sul nuovo capitolato della gestione del servizio di raccolta dei rifiuti. Sappiamo che c’è ancora molto da fare: porto e depuratore sono le questioni più rilevanti, anche se riteniamo siano stati fatti importanti passi in avanti.

Questo – conclude -, però, è il nostro modo di intendere la politica. Un lavoro costante e “silenzioso”, in uno scenario caratterizzato da numerosi vincoli normativi, aggravato dalla continua riduzione di risorse finanziarie e il blocco del turn-over del personale. La campagna elettorale si è chiusa al momento della proclamazione del Sindaco; evidentemente in tanti non se ne sono accorti, oppure fanno finta di non capire o, addirittura, hanno già iniziato a prepararsi per le amministrative del 2018. Con i proclami, purtroppo, non si risolvono i problemi: è solo una scusa per non assumersi le proprie responsabilità.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteBulgarella, la Cassazione dà ragione ai pm fiorentini
Articolo successivo“Nessuna estorsione, hanno fatto uno spot per mettere a tacere Maniaci”