Arrestati padre e figlio per furto di energia elettrica e detenzione di stupefacenti

2828

CARABINIERI DI PARTINICOI Carabinieri della Compagnia di Partinico hanno arrestato in flagranza di reato, con l’accusa di furto aggravato di energia elettrica e di illecita detenzione di sostanze stupefacenti, L.M.l. 63enne meccanico partinicese, ed il figlioL.M.g. 35enne, anche lui di Partinico.

Da diversi giorni i Carabinieri stavano controllavano i movimenti di padre e figlio presso la loro abitazione, in via della Repubblica. Dopo aver visto abbastanza hanno deciso di intervenire per eseguire un controllo. I militari dell’Arma hanno sorpreso i due intenti a riparare il motore di un’automobile nell’officina di famiglia al piano terra dell’immobile. Nel corso della perquisizione domiciliare, in un locale dell’immobile, i militari hanno scoperto una coltivazione di cannabis con tanto di sistema di areazione e lampade alogene alimentate con l’allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica.

Nel corso delle operazioni inoltre i militari hanno rinvenuto tutto l’occorrente per coltivare la droga, consistenti in concimi, vasi con terriccio, arbusti di cannabis, termostato per regolare la temperatura ed un calendario con la descrizione delle fasi della coltivazione della.

Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, gli arrestati sono stati sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari in attesa di essere giudicati con rito direttissimo previsto per la mattinata odierna presso il Tribunale di Palermo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLadri in trasferta, fermato uno di loro
Articolo successivoCastellammare, il consigliere Motisi ritira la richiesta di commissione d’indagine e annuncia la proposta di sfiducia