Il Movimento 5 Stelle di Alcamo critica Arnone per l’affidamento del Caffé Letterario

2328

Caffé LetterarioIl Movimento 5 Stelle di Alcamo affida ad un comunicato il proprio pensiero sull’affidamento del Caffé Letterario, la posizione del movimento non è morbida, infatti si utilizza la parola “denuncia”; a essere destinatario è l’atto “con cui il Commissario Straordinario Dott. Giovanni Arnone sta decidendo la sorte dei beni pubblici a vocazione culturale della nostra città”.
In particolare dopo La Cittadella dei Giovani ad essere oggetto di affidamento è il Caffé Letterario (situato all’interno del Complesso monumentale del Collegio dei Gesuiti), con bando pubblicato sull’albo pretorio il 5 gennaio 2016, in pieno periodo festivo, con scadenza 19 gennaio 2016.
Il Movimento 5 Stelle lamenta che anche i tempi previsti sono risicatissimi: “appena 9 giorni lavorativi, per la presentazione dell’offerta e di tutta la documentazione richiesta che precluderanno di certo la partecipazione alla gran parte degli interessati”.
L’offerta più alta, questo sembra essere l’unico lato importante per l’aggiudicazione, quindi denunciano i pantastellati che “l’unico criterio di aggiudicazione venga stabilito nella offerta economica più alta, senza dare alcuna rilevanza alle attività culturali che si intendono svolgere all’interno del bene, con il fondatissimo rischio che da “Caffè Letterario” si trasformi nell’ennesima “birreria” del centro storico”.
E poi l’affondo: “Il Commissario Straordinario si sta trasformando sempre di più in un soggetto politico intestandosi scelte che dovrebbero essere assunte soltanto da un’amministrazione democraticamente eletta”.
“Riteniamo quantomeno opportuno – concludono i 5 Stelle –  dunque, che l’attuale amministrazione comunale, commissariata, ritiri in autotutela il bando e si astenga da ulteriori simili procedure relative ad altri beni pubblici – con finalità culturali – che si trovano nella medesima condizione”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAltro duro colpo alla sanità, chiude l’Ambulatorio di Mobilità Digestiva di Palermo
Articolo successivoLe finali del “Costa Gaia” ritornano allo Stadio “L. Catella”