Castellammare, inaugurata la zona pedonale di corso Garibaldi

2514

DSCN3754CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Si è svolta ieri l’inaugurazione ufficiale della nuova zona pedonale di corso Garibaldi basso e del corso Bernardo Mattarella. Alla presenza delle autorità civili, militari e religiose, il Sindaco Nicolò Coppola, prima del consueto taglio del nastro, ha spiegato che “oggi festeggiamo una piazza che a Castellammare non c’è mai stata. Per una città la mancanza di una vera piazza rappresenta un handicap; da qui partirà lo sviluppo culturale di castellammarese. Questi lavori – continua il Sindaco Coppola – ci sono costati tanti sacrifici e abbiamo riscontrato molte difficoltà, per questo motivo è doveroso ringraziare tutti: i lavoratori, le imprese, i commercianti, i residenti, i tecnici del comune. Da questa piazza parte lo sviluppo del centro storico, ma soprattutto si tratta di un segno di riscatto per la nostra città.DSCN3744

Il Responsabile del III settore l’Ingegnere Simone Cusumano ha aggiunto: “questa che stiamo inaugurando è la quinta opera portata avanti, tante sono già state completate ma ancora tante altre ne stiamo portando avanti con i nostri tecnici, tra mille difficoltà e polemiche. Per me – continua – oggi il corso Garibaldi finisce ai quattro canti; questa dovrebbe essere una nuova piazza con un nome diverso. Un vero e proprio luogo d’incontro per i castellammaresi. Anche io ringrazio tutti i tecnici, l’amministrazione, i commercianti e i residenti, per aver stretto i denti in un momento difficile. Sono sicuro che anche loro apprezzeranno e avranno un vantaggio dal nostro 702999_10205579277461597_825607919_nlavoro.”

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteL’Alcamo in amichevole “incontra” il Castellammare
Articolo successivoRapine a Marsala, i Carabinieri arrestano un uomo
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.