Pari tra ASD Alqamah e Gibellina. Rissa negli spogliatoi. A perdere è lo sport.

2525

ASD AlqamahPasso falso dell’Altofonte e del Real Selinunte, ma l’Alqamah, con una prestazione sottotono a Gibellina, non ne approfitta.
La partita parte bene per gli alcamesi, infatti dopo pochi minuti passa in vantaggio, grazie ad un bel tiro da fuori di Di Giuseppe.
La fortuna non è amica dell’Alqamah, ma la squadra è anche un pò sprecona, infatti in diverse occasioni spreca la possibilità di raddoppiare,  non riuscendo a concretizzare e chiudere la gara. Da sottolineare la traversa di Nicosia direttamente su calcio piazzato e il gol annullato a Figlia dopo la bellissima giocata nello stretto di Vilardi.
Nel secondo tempo il gol dei padroni di casa è nella’aria e infatti arriva il gol, che porta in pareggio il risultato, all’inizio del secondo tempo.
Il nervosismo regna sovrano e si traducono in alcuni episodi molto spiacevoli, che non vengono gestiti bene dal direttore di gara, ed infatti a gara conclusa si assiste in un parapiglia all’interno degli spogliatoi, in questo frangente da segnalare un atto davvero grave, cioé un giocatore del Gibellina colpisce con un calcio allo stomaco calciatore dell’Alqamah, che è stato portato, subito,  in ospedale con l’ambulanza. Fortunatamente, dopo i dovuti accertamenti, i medici non hanno riscontrato danni particolari.
Due punti persi per l’Alqamah, ma a perdere principalmente il calcio e lo sport in generale.
Asd Gibellina – Alqamah 1-1

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteL’ASD S. Francesco di Paola sconfitta dal pubblico e dal Poggioreale. Lombardo: “Partita nervosa. A decidere episodi e sfortuna”
Articolo successivoArriva la tanto agognata vittoria esterna della Pallacanestro Trapani. Ducarello: “maturità e ottimo contributo dalla nostra panchina”
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.