Consiglieri del Partito Democratico di Castellammare del Golfo rinunciano al gettone di presenza: Ennesima seduta senza vantaggio per la collettività

1856

PDRinunciare al gettone di presenza, sembra una cosa normale, ma in Italia è un dramma, basti pensare a consiglieri comunali che se il Comune ritarda nell’erogare il gettone di presenza minacciano denunce. Ma, ultimamente, sono molti i casi di rinuncia al gettone di presenza, a vario titolo. Forse si sta muovendo finalmente qualcosa!

Non ultimo il caso dei Consiglieri di Castellammare del Golfo, Daniela Blunda, Camillo Coppola e Mario Maltese, che hanno rinunciato al gettone di presenza della seduta del Consiglio avvenuta il 29 Settembre 2015. Rinuncia perché è “l’ennesima seduta dove non si è deliberato nulla di concreto a vantaggio della collettività”.

Piccoli, piccolissimi passi? L’importante che qualcuno inizi a fare questi piccoli passi. Il gettone di presenza deve finire di essere un guadagno a danno della collettività, questi consiglieri lo hanno fatto per denunciare qualcosa, ma già hanno fatto capire che il gettone di presenza non è più uno “status”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSantangelo (M5S) dopo il caso Linares chiede le dimissioni di D’Alì. La risposta di D’Alì in Senato.
Articolo successivoL’ASD Atena terrà un Stage gratuito di Scherma, sport e valori