Slow Food promuove petizione contro il latte in polvere per la produzione di formaggi, un altro attacco alla qualità e al consumatore

1071

Locandina_petizioneIl latte in polvere non fa male, questa premessa è d’obbligo, ma cosa succederebbe se non ci fosse più la legge che proibisce l’uso di latte in polvere per fare formaggio? Una buona legge, che ha contributo non poco a salvaguardare l’immenso patrimonio caseario di tutto il paese? Significa produrre beni di qualità inferiori, quindi tutto a danno dei produttori di qualità e dei consumatori. Quindi perché l’Unione Europea, con forte interesse delle industrie lattiero casearia italiana, invita l’Italia a modificare la legge che protegge la qualità? Per la libera circolazione delle merci. Per questo motivo è assurdo modificare questa legge, bisogna non far omologare ma incentivare la diversità nei prodotti.

Di quest’avviso Slow Food e altre organizzazioni, infatti hanno promosso una petizione per dire no al latte in polvere

Chi vuole può firmare l’appello online andando alla pagina web: www.slowfood.it/petizionelatte/

La petizione è indirizzata a:
Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali
Commissione europea – Direzione Generale Agricoltura e sviluppo rurale
Parlamento europeo

Consiglio europeo

Per sensibilizzare sul tema, sostenere l’iniziativa di Slow Food ed impedire questo ulteriore attacco all’identità locale, SiciliaSì e SiciliAntica hanno promosso un evento che si terrà venerdì 25 settembre 2015 (dalle ore 10 alle 14 e dalle ore 17 alle ore 20) presso la salumeria di Angelo Armetta  in via dei Quartieri, 6 (Piazza S. Lorenzo) a Palermo. Prevista la presenza di Alfonso Lo Cascio, della Presidenza Regionale di SiciliAntica, Teresa Armetta, Presidente di SiciliaSi, Giovanni Cappello, Presidente della Conpait Sicilia (Confederazione Pasticceri Italiani). Ai partecipanti sarà offerta una degustazioni gratuita di eccellenze casearie italiane.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteFesta del Teatro Ragazzi e Giovani. Il Teatro come luogo di arricchimento, riflessione, sogno e svago.
Articolo successivoRisolta la questione dei tributi per le attività estrattive
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.