A Castellammare proposto il “baratto amministrativo”

1928

Castellammare Castello arabo-normannoCASTELLAMMARE. Il consigliere M.Paradiso presenta una mozione con cui impegna il sindaco e la Giunta ad introdurre il “Baratto amministrativo”. Sì tratta di una misura politica di contribuzione alternativa che prevede il pagamento delle tasse con prestazioni alternative  e dirette come introdotto dalla legge 164 meglio nota come “Decreto sblocca Italia “. Il baratto amministrativo è una forma di pagamento in natura o con cessione di manodopera, previsto dal governo nazionale per alleviare la pressione fiscale a chi proprio non riesce a pagare tasse  come Imu e Tasi.

Il consigliere Paradiso ritiene che l’approvazione di questo norma possa portare giovamento non solo ai cittadini ma anche all’amministrazione, poiché con questa norma si potrebbe contribuire, ad esempio, a migliorare il verde pubblico. Il  sindaco e la giunta, una volta approvata la norma dovranno individuare una somma in bilancio da destinare al baratto predisponendo anche un apposito regolamento. Ogni comune può definire, tramite delibera, la realizzazione dei progetti presentati da singoli cittadini o associazioni che mirino a riqualificare il territorio. Sì può intervenire su aree verdi, piazze, strade e immobili inutilizzati comunque zone urbane o extra urbane che necessitano di valorizzazione e riqualificazione.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteChi sta con il Sindaco Damiano e chi no, escano allo scoperto coloro che fanno il doppio gioco
Articolo successivoArrestata titolare di una rivendita alimentare per furto di energia elettrica