Arrestato scafista dalla squadra mobile di Trapani. Considerato tra i responsabili dello sbarco avvenuto ieri

1243

THIARE' HarounE’ stato arrestato questa mattina dal personale della Squadra Mobile di Trapani per il reato di favoreggiamento aggravato all’immigrazione clandestina, il cittadino senegalese THIARE’ Haroun.

Le indagini venivano avviate a seguito dello sbarco avvenuto nella serata di ieri, quando presso il Molo Ronciglio di Trapani sbarcavano circa 550 migranti di varia nazionalità e precisamente provenienti dalla Siria, Ghana, Pakistan, Somalia, Bangladesh, Nigeria, Marocco e Tunisia. In dettaglio, il soccorso veniva effettuato da una nave militare irlandese, la quale, durante la navigazione, li intercettava nel canale di Sicilia a circa 40 miglia dalle coste libiche a bordo di un’imbarcazione in legno.

Nel corso dell’attività d’indagine, si apprendeva dai vari migranti come gli stessi fossero partiti dalla costa libica, tra martedì e mercoledì scorso, corrispondendo ad alcuni trafficanti, la somma di circa 1000/1500 €. In particolare, l’attività investigativa permetteva di appurare come l’imbarcazione in questione fosse stata condotta da un giovane senegalese, descritto alto di statura e con capelli particolarmente folti e ricci, scelto appositamente dall’organizzazione libica in quanto abile nella navigazione.

Ricevute tali particolari informazioni, personale della Squadra Mobile riusciva a rintracciare un uomo con tali caratteristiche che veniva individuato nell’odierno fermato. Lo stesso veniva allora riconosciuto da alcuni testimoni come la persona che aveva condotto il natante dal punto di partenza libico al momento del soccorso.

Al termine delle formalità di rito, THIARE’ Haroun veniva associato presso la Casa Circondariale di Trapani a disposizione dell’autorità giudiziaria procedente.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteUltimo appuntamento con “Tramonti tra le pagine” con la presentazione di “Donne al di là del faro” di Rossella Floridia
Articolo successivoLa Uil denuncia un aumento del 40% dei reati in provincia di Trapani