Riforma del servizio idrico in Sicilia

1067

acquapubblica-680x365PALERMO. L’ars ha approvato la riforma del servizio idrico integrato e l’assessore Regionale all’Energia e ai Servizi di Pubblica Utilità, Vania Contraffatto, ha espresso tuta la propria soddisfazione per tale notizia che cambia lo stato in cui si trovava la regione prima di queste modifiche:

“L’approvazione da parte dell’Ars della riforma del servizio idrico integrato é un’ottima notizia per i siciliani: la nuova legge consentirà di realizzare gli investimenti previsti, nonchè di razionalizzare il sistema rendendolo più efficiente e meno costoso grazie anche alle economie di scala. Le autorità d’ambito saranno infatti gli unici soggetti deputati a gestire i finanziamenti europei. La legge lascerà agli enti locali, associati o consorziati, la possibilità di affidare il servizio secondo le varie forme previste dalla normativa nazionale ed europea, ma lasciando l’acqua un bene pubblico e intoccabile. Sono soddisfatta di questo importante risultato e ringrazio le forze politiche per aver compreso l’importanza di eliminare possibili profili di incostituzionalità, che avrebbero privato la Sicilia di una disciplina di settore. Mi spiace solo che il dibattito sia rimasto talvolta ostaggio di pulsioni demagogiche che niente avevano a che fare con la realtà delle cose: l’obiettivo era assicurare un servizio efficiente ed economicamente equilibrato ai siciliani ed è stato raggiunto” ha commentato l’assessore.

Di fatto viene demandato agli enti locali l’affidamento per cui ancora nulla è certo rimane la speranza dell’assessore che ciascuno operi nell’interesse della collettività e perchè si mantenga l’acqua come servizio pubblico in maniera inequivocabile.

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl sindaco Coppola non fa marcia indietro
Articolo successivoLa notte gialla a Gibellina