Convalidata la misura cautelare in carcere del castellammarese Camillo Finazzo. I legali chiedono il riesame

1781

tribunaleE’ stato convalidato dal GIP del Tribunale di Trapani, Caterina Brignone, la misura di custodia cautelare in carcere nei confronti del castellammarese Camillo Finazzo, accusato di aver appicato fuoco ad un’abitazione per motivi legate ad un’eredità. La vicenda risalirebbe alla notte del 3 gennaio del 2015.

Una misura cautelare considerata eccessiva per il legale dell’uomo, Ernesto Leone, che ha già presentato istanza di riesame della misura cautelare dinanzi il Tribunale della Libertà di Palermo.

Nella prima udienza il Finazzo si è avvalso della facoltà di non rispondere, al fine di ricostruire i propri spostamenti durante l’accaduto.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteChe mondo sarebbe senza Nutella? Scopriamolo insieme!
Articolo successivoEvasione fiscale, sigilli all’impero di Michele Licata titolare del “Delfino beach” e del “Baglio Basile”
Marcello Contento
Marcello Contento, nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.