Operazione antidroga ad Alcamo: ai domiciliari gestiva un piccolo supermarket della droga.

4245

poliziamazaraALCAMO – Ieri nel tardo pomeriggio gli Agenti della Polizia di Stato appartenenti al Commissariato di P.S. di Alcamo, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Corte di Appello di Palermo a carico del giovane Trouidi Haithem, pregiudicato per reati contro la persona e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

La decisione di aggravare la misura degli arresti domiciliari, a cui era già sottoposto, è scaturita dall’attività investigativa portata avanti dagli agenti che sabato scorso, nell’ambito di una perquisizione locale, hanno rinvenuto due bilancini di precisione e una modica quantità di hashish.

Considerato che il rinvenimento dei bilancini perfettamente funzionanti attestava la destinazione allo spaccio dello stupefacente rinvenuto, Troudi Haithem è stato segnalato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Trapani per la detenzione ai fini di spaccio.

La grave violazione è stata inoltre comunicata alla Corte di Appello di Palermo, ossia l’organo che aveva emesso la misura meno afflittiva degli arresti domiciliari, la quale ha emesso un ordine di arresto.

A suffragare le ipotesi investigative che hanno portato all’emissione del provvedimento custodiale in parola, è stato rinvenuto un altro bilancino di precisione e un’altra modica quantità di sostanza stupefacente a seguito della perquisizione operata durante l’esecuzione dell’arresto.

Dopo le formalità di rito in Commissariato, Trouidi Haithem è stato condotto presso la Casa Circondariale San Giuliano di Trapani a disposizione dell’A.G. che ha disposto il provvedimento restrittivo

L’importante operazione di P.G., si inserisce in un più ampio progetto di prevenzione e contrasto del fenomeno del traffico di sostanze di stupefacenti che, soprattutto in concomitanza dei fine settimana, è notoriamente caratterizzato da un forte aumento della domanda al consumo, in special modo di cannabinoidi.

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTreni e autostrade da “buttare”, la Sicilia sta a guardare
Articolo successivoI ragazzi delle scuole in visita negli impianti del riciclo della carta