Agevolazioni per il centro storico di Castellammare, interrogazione al Sindaco

1270

castellammare comuneCASTELLAMMARE DEL GOLFO. Il consigliere del gruppo misto, Giacomo Asaro, eletto nella lista “CastellammareSi” ha presentato un’interrogazione al Sindaco di Castellammare del Golfo Nicolò Coppola, in merito alle “agevolazioni ed incentivi, per attività produttive e non, del centro storico”.

Il consiglio comunale di Castellammare, in data 20/10/2014, ha approvato il regolamento per le agevolazioni economiche per gli interventi di recupero degli immobili del centro storico e per incentivare la mobilità sostenibile e, inoltre, il regolamento per le agevolazioni e per gli incentivi, per attività produttive e non, del centro storico.

“Considerato che l’amministrazione comunale ha accelerato l’iter di predisposizione ed approvazione dei regolamenti, – scrive il consigliere Asaro – per far decorrere la fruizione dei benefici già a partire dal l’anno 2014. Interroghiamo, quindi, l’Amministrazione comunale per sapere quante istanze, a valere per l’esercizio finanziario 2014, sono pervenute alla casa comunale in seguito ai due bandi pubblicati corrispondenti alle agevolazioni previste nei due regolamenti di cui sopra e se risultano eventuali discrasie tra regolamenti e bandi; quante istanze, tra quelle pervenute, sono state approvate dai competenti uffici comunali con relativa concessione delle agevolazioni.”Infine, il  consigliere Giacomo Asaro chiede di sapere “l’importo monetario delle agevolazioni economiche erogate a valere per l’esercizio finanziario 2014 previste dai due bandi (di cui sopra, ndr).”

L’interrogazione, che prevede una risposta scritta, sarà discussa nel prossimo consiglio comunale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAggrediscono e rapinano una signora, arrestati due giovani a Mazara del Vallo
Articolo successivoAvviati a Castellammare i progetti a sostegno degli studenti con disagi
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.