I giovani all’opera

1767

 IMG-20150316-WA0004Un gruppo di 12 studentesse della classe IV sezione A dell’Istituto Magistrale ‘’Vito Fazio Allmayer’’ di Alcamo (TP), si è imbattuto, negli ultimi mesi, nella realizzazione di un’impresa che vede la gestione di una vera e propria agenzia di comunicazione, ormai conosciuta con il nome ‘’Neolux’’.

Quest’ultima, nata da un progetto scolastico proposto dall’associazione IGS (Imprese Giovani Studenti), ha già cominciato ad espandere le sue radici coinvolgendo buona parte della popolazione alcamese e dei territori limitrofi, sia grazie alla pagina Facebook, la quale in pochissimi giorni ha ottenuto un numero elevatissimo di like, sia grazie al sito web.

Le ragazze hanno mostrato fin da subito un grande interesse verso il compito a loro affidato, poiché sono rallegrate dalla speranza che questo progetto abbia aperto loro le porte del mondo del lavoro e del futuro.

Neolux dà loro la possibilità di competere con altri studenti, di socializzare, di responsabilizzarsi, di capire cos’è il lavoro, di gestire realmente il capitale raccolto dagli sponsor e dalle azioni, di creare prodotti e servizi concreti.

Sebbene ogni componente del gruppo abbia un ruolo specifico e regolamentato, le ragazze sono consapevoli che l’unico modo per raggiungere gli obiettivi prefissi è la collaborazione e con il lavoro di squadra.

Le ragazIMG-20150316-WA0002ze saranno le organizzatrici di un evento che avrà luogo Giovedì 19 Marzo alle ore 19:00, presso il locale ‘’45 Giri’’, situato in piazza Ciullo, ad Alcamo.

Quest’avvenimento prevede un aperitivo in collaborazione con Rapitalà, una famosa azienda vinicola che si è mostrata subito disponibile a collaborare con le ragazze, aiutandole a portare a termine questo progetto.

Infine, la giovane agenzia, si presenterà al pubblico e, in particolare, ad un gruppo di giudici che valuteranno il loro lavoro, durante la fiera locale che si terrà il 31 Marzo presso il centro commerciale ‘’Conca d’Oro’’ di Palermo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“La favola” delle Regie Trazzere di Sicilia – Introduzione – Parte Quarta
Articolo successivoCastellammare, partono i lavori di restauro degli antichi abbeveratoi e delle fontane