Approvata la mozione di indirizzo di ABC per affidare il recupero crediti a giovani avvocati

1658

abcALCAMO. E’ stata approvata dal consiglio comunale di Alcamo, lo scorso 16 marzo, la mozione di indirizzo, presentata dal gruppo consiliare ABC – Alcamo Bene Comune, mirata al recupero dei crediti vantati dal Comune di Alcamo.

Una bella prova di democrazia che ha visto quasi tutto il consiglio votare insieme alla proposta della minoranza. Unico gruppo che ha votato in modo contrario sono i consiglieri di Sicilia Democratica, il gruppo consiliare che fa riferimento all’ex sindaco Giacomo Scala.

I consiglieri di ABC hanno suggerito all’amministrazione di affidare a giovani avvocati alcamesi un servizio di recupero coatto dei crediti non riscossi, per mezzo di un bando rivolto esclusivamente a praticanti legali abilitati e a giovani avvocati residenti ad Alcamo, che non abbiano superato il quarantesimo anno di età, con i quali avviare eventuali collaborazioni occasionali. L’affidamento del patrocinio legale a soggetti esterni è, tra l’altro, previsto dall’art. 59 del Regolamento degli Uffici e Servizi Comunali.

L’ente, infatti, ormai da tempo​ vanta crediti che ammontano alla considerevole somma di circa un milione di Euro, a seguito anche di pronunce giudiziarie favorevoli o del mancato incasso di tributi. Tuttavia, l’attività di recupero da parte dell’ufficio legale del Comune giace in una sostanziale fase di stasi, a causa della carenza di organico. L’incasso della somma in questione potrebbe contribuire a rimpinguare le casse comunali, ormai versanti in deficit cronico, ma il rischio incombente di prescrizione comprometterebbe definitivamente ogni possibilità di recupero.
La mozione prevede un tentativo obbligatorio di recupero del credito nei confronti dei debitori in via stragiudiziale, con la possibilità di rateizzazione delle somme dovute, con oneri aggiuntivi relativi alle sole spese generali. Ai giovani legali verrebbe riconosciuto un compenso, in percentuale all’importo effettivamente incassato; mentre, nei casi di credito non recuperato, sarà previsto un rimborso delle spese sostenute e certificate.
ABC si augura che l’amministrazione recepisca nel più breve tempo possibile i suggerimenti della mozione, che, oltre a ridare ossigeno alle casse comunali, darebbe occasione di lavoro a un folto gruppo di giovani professionisti alcamesi, in un momento storico di particolare crisi occupazionale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCastellammare, a fuoco auto di un imprenditore
Articolo successivoAeroporto, “serve un tavolo tecnico”