Salone si esprime sul ritiro della delibera sulla gestione del verde

828

Francesco SaloneTRAPANI. Il ritiro della delibera sulla gestione del verde è l’unica decisione ragionevole su un atto incomprensibile ed inopportuno, è la dichiarazione del consigliere F. Salone, un atto  contestato anche in commissione ma che egli ha pervicacemente presentato all’aula.

“Il sindaco Damiano continua a scaricare responsabilità su consiglieri, assessori  e avversari politici ripetendo sempre che non è colpa sua e la comunicazione al presidente del consiglio con cui annuncia il ritiro della delibera sulla gestione del verde è l’ennesimo atto irriguardoso nei confronti dell’assemblea” afferma il consigliere.

“Mente affermando che nessuno aveva obiettato sul contenuto dell’atto deliberativo nelle commissioni, invece sa benissimo, e risulta a verbale, che numerose osservazioni sono state avanzate all’assessore proponente, almeno nella commissione da me presieduta. Ha fatto inoltre predisporre un regolamento complicatissimo di ben 36 pagine e  53 articoli per regolare il poco verde pubblico di cui è dotata la città. Tale regolamento è pesantemente vessatorio, comprese le  previsioni di sanzioni, nei confronti dei privati oltre che ridondante ed inutile per una città che non ha una vera politica del verde.”

“Una formulazione tecnicistica incomprensibile per un comune cittadino, fanno di quest’atto uno tra i più inutili mai prodotti da questa amministrazione comunale. É una delibera che con l’alibi della regolamentazione in realtà complica, anziché semplificare la vita dei cittadini: un esempio di atto burocratico autoreferenziale ed inutile. L’unica cosa buona che ha fatto il sindaco è di aver ritirato la delibera.”

In ultimo il consigliere Salone aggiunge che se non avesse ritirato la delibera il sindaco, ne avrebbe chiesto egli stesso il ritiro.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa Torre del Giglio sarà donata al Comune di Castelvetrano Selinunte
Articolo successivo“I salotti di Marzo.. un tè con te” doppio incontro attinente alla violenza sulle donne